Primavera 1, Chievo Verona-Roma: le pagelle dei giallorossi

LEGGI ANCHE LA CRONACA DI CHIEVO VERONA-ROMA E LE PAGELLE DEI CLIVENSI

Zamairon 5: non si mette in luce per nessuna buona parata, piuttosto per qualche errore di troppo e 4 gol subiti che pesano eccessivamente ai fini del risultato. Da rivedere.

Greco 6: il duttile giocatore giallorosso fa quello che può: prima da terzino destro, poi sinistro ed infine da mezz’ala. Sbaglia poco e prova con qualche progressione sulla fascia ad aiutare le trame offensive dei suoi senza però ottenere buoni risultati. ( dall’82’ Bucri s.v. )

Trasciani 5: nel primo tempo si perde D’Amico in marcatura che sfiora il gol di testa. Nel secondo tempo è invece proprio lui a sfiorare il gol per riaprire il match, ma poi risulterà decisiva la sua disattenzione che permette a Juwara di involarsi di fronte a Zamairon e siglare il 4-2.

Cargnelutti 5:  non fa meglio del suo compagno di reparto, commettendo anche lui un grave errore che porterà al gol di Rovaglia. In fase di inizio gioco la sua personalità aiuta la manovra giallorossa, ma oggi balla troppo ed esce anche in ritardo sul gol dalla distanza di Pavlev. ( dall’82’ Coccia s.v. )

Semeraro 6: il suo apporto in fase offensiva si fa sentire grazie a tempi giusti nelle sovrapposizioni che lo portano a mettere una quantità industriale di cross, però mal sfruttati dai suoi attaccanti. ( dall’87’ Sdaigui s.v. )

Riccardi 6,5: il gioiellino giallorosso ormai in pianta stabile in prima squadra oggi scende a dare una mano e dimostra il suo valore. Lotta dal primo all’ultimo minuto e proprio una sua pressione gli permette di rubare palla a Kaleba e segnare il 3-2.

Pezzella 5,5: commette qualche errore di troppo che da un giocatore dalle sue qualità non ci si aspetta. Sale in cattedra con il passare dei minuti ma non incide abbastanza.

Darboe 5: si fa trovare pronto dopo 3 minuti sfruttando l’errore di Bragantini e portando in vantaggio i suoi. Da quel momento sparisce e lo si rivede solamente all’80’ quando si fa espellere ingenuamente. Assente.

D’Orazio 6: le sue accelerazioni nella prima frazione mettono spesso in difficoltà Ndreka ma Celar non le riesce a sfruttare adeguatamente. Il secondo tempo si vede sempre meno e viene infatti sostituito. ( dal 70′ Santese s.v. )

Celar 5: quando tocca la palla si vede che è un giocatore di una caratura diversa e suoi 20 gol in campionato parlano per lui. Ma proprio per questo ci si aspetta molto di più: oggi sbaglia troppo e non si fa mai trovare pronto sotto porta.

Cangiano 6,5: più passano i minuti e più si carica sulle spalle i suoi, spesso incaponendosi in qualche giocata individuale di troppo. Ma è proprio in una di queste che tirerà fuori dal cilindro un gol pazzesco che finalmente vivacizzerà la squadra. Pungente. ( dall’87’ Besuljen s.v. )