x

x

Due punti nelle ultime cinque partite e una situazione di classifica che si fa sempre più preoccupante. Non è certamente un momento brillante per la Sampdoria, incappata nella seconda sconfitta consecutiva. Dopo il pesante 4-0 subito per mano del fanalino di coda Frosinone, in casa blucerchiata era attesa una risposta importante tra le mura amiche per rialzare la testa. Sabato è invece arrivato un altro ko, una sconfitta interna contro l'Hellas Verona che lascia la Primavera ligure ferma a quota 25 punti. 

Samp in crisi: la decisione su Sassarini

Un momento negativo che ha portato a dei cambiamenti nella Primavera blucerchiata. Questa mattina sono infatti andati in scena fitti contatti tra Matteo Manfredi, presidente della società, e il direttore tecnico Nicola Legrottaglie. L'oggetto dei dialoghi - si legge su Il Secolo XIX - è stata la posizione di David Sassarini, allenatore del gruppo della Primavera. La vittoria manca da oltre due mesi (dal 13 gennaio) e la situazione di classifica preoccupante ha fatto scegliere per un cambiamento. Sassarini, si legge sul sito ufficiale della Samp, è stato infatti esonerato. Di seguito il comunicato ufficiale. 

David Sassarini
David Sassarini, allenatore della Sampdoria Primavera

Il comunicato della Sampdoria

L’U.C. Sampdoria comunica di aver sollevato David Sassarini dall’incarico di allenatore responsabile della Primavera. Al tecnico e ai componenti del suo staff vanno i ringraziamenti per la serietà e la professionalità dimostrate durante il periodo di lavoro nel club.

Nel contempo la società comunica che la guida della formazione giovanile è stata affidata a Matteo Pastorino, da inizio stagione tecnico dell’U16, dove sarà sostituito da Alessandro Maroni.

I cambi di panchina del Primavera 1: due i precedenti

L'allontanamento di Sassarini dalla panchina è il terzo esonero ufficiale della stagione nel massimo campionato U19 italiano. Prima della Sampdoria, infatti, soltanto due club hanno scelto di proseguire la stagione con un allenatore diverso rispetto a quello presente ai nastri di partenza del campionato. Il primo è stato il Bologna, che meno di un mese fa ha deciso di esonerare Luca Vigiani, affidando la Primavera a Paolo Magnani nel tentativo di dare una svolta a un'annata difficile. Il secondo esonero risale alla scorsa settimana, quando il Monza ha sollevato dall'incarico Alessandro Lupi, dando in mano a Oscar Brevi la Primavera biancorossa. Due cambi che al momento non hanno portato frutti particolari sotto il piano dei risultati, alla luce dell'ultimo posto - in coabitazione col Frosinone - del Bologna e della sconfitta subita dai brianzoli nella gara giocata ieri contro il Sassuolo.

Sardo, dalla Serie D alla Lazio: Sarri osserva il centrocampista
Emanuel Benjamin de Sant'ana Balbinot, un brasiliano in azzurro