Amatucci Fiorentina - MARTIN COCCIOLO
Fiorentina

Caprini scatenato, Amatucci in crescita: le pagelle della Fiorentina

Le pagelle dei ragazzi di Daniele Galloppa

10.01.2024 15:51

Dopo la vittoria sul Genoa la Fiorentina ha battuto anche il Milan nei quarti di finale di Coppa Italia. Ecco i voti di una viola lanciata ora in semifinale.

Portiere e difensori:

Martinelli 6: Si mangia le mani sul rigore del vantaggio, dove il suo piede non arriva. Sfortunato sulla seconda rete del Milan: poi, a parte qualche brivido con i piedi, fila tutto liscio.

Biagetti 6: Il capitano viola disputa una bella gara, attento in fase di marcatura ed abile in quella di impostazione.

Comuzzo 6,5: Parte da lui l’azione che porta al 2-2 con quella giocata cercata spesso del lancio ad aprire sulla corsia opposta, lui il regista difensivo della viola che fa anche buona guardia sugli avanti rossoneri.

Romani 6: dalle sue parti transita Cuenca e non è quindi un pomeriggio sereno. L’ex Pescara però tiene botta. (Dal 83' Kouadio 6: si vede per un paio di belle chiusure nel finale).

Martinelli
Martinelli, portiere della Fiorentina: è tra i migliori nelle nostre pagelle

Centrocampisti:

Fortini 6: Gara senza infamia e senza ode, ordinato, preciso, pulito negli interventi, sempre sul pezzo: sicuro.

Harder 6,5: Come un diesel, parte a rilento, poi si accende e macina chilometri, recupera e gestisce, bene, sempre. (Dal 70' Rubino 6: Entra ma si vede poco).

Amatucci 6,5: Fa parte del “pasticciaccio brutto” sul vantaggio rossonero ed è lui a prendersi il primo giallo della gara, poi mette sulla testa a Caprini il 2-1 e torna il solito geometra.

Ievoli 6: L'uomo nell'ombra della viola disputa una gara diligente, attenta, forse non appare, ma serve, è il meccanismo dell'orologio.

Scuderi 7: Stop perfetto e sgasata sulla corsia con palla messa in area con scritto “spingere” a Caprini, gran giocata. Un deja-vu al 44’ con un’altra gran palla dentro dalla corsia poi tante altre belle cose, il miglior in campo dopo Caprini. (Dal  70' Elia SV: la sua gara dura appena 3 minuti, sfortunato; Dal 75' Baroncelli SV: Ordinaria amministrazione).

Attaccanti:

Braschi 7: Rapido nel capire l’orrore difensivo del Milan, freddo nel battere Raveyre e completare la rimonta viola, decisivo perchè il suo gol pesa ma, c'è anche tanto lavoro di raccordo prima di quello: mortifero. (Dal 83' Sene 7: tocca il primo pallone e parte in 4x100 in contropiede chiudendo la gara, glaciale).

Caprini 8: Intelligente il centravanti di casa ad inserirsi nel buco lasciato sul primo palo dai due rossoneri, poi “Inzaghesco” sul pallone dentro di Scuderi, basta un tocco e l'anticipo sulla corsa nel duello con il difensore ed è doppietta. Nella ripresa più volte sgasa sulla corsia: uomo ovunque, MVP.

Raimondo, dal Bologna con Mihajlovic ai gol in B alla Ternana
Cuenca il migliore, Camarda non incide: le pagelle del Milan