x

x

Foto MARTINA CUTRONA
Foto MARTINA CUTRONA

Uno dei giocatori visti all'opera nel corso dell'ultimo campionato U18 ha ufficialmente cambiato maglia. Dopo le indiscrezioni circolate nei giorni scorsi, nel corso della giornata odierna è infatti arrivato anche l'annuncio. 

Il Cittadella accoglie De Luca

L'operazione riguarda il Cittadella, squadra che parteciperà al prossimo campionato Primavera 2, che si è assicurato un tassello importante reduce da una positiva seconda parte della scorsa stagione. I veneti hanno infatti prelevato dal Frosinone il terzino destro Alessandro De Luca, classe 2006. 

Alessandro De Luca
Alessandro De Luca, dal Frosinone al Cittadella - Foto MARTINA CUTRONA

Cresciuto nel settore giovanile della Roma, il difensore nello scorso gennaio si era trasferito al Frosinone, in cerca di un minutaggio maggiore rispetto a quello avuto fino a quel momento in giallorosso. Missione compiuta, perché nella seconda parte dell'annata ha trovato continuità, collezionando 12 presenze. Adesso, arriva l'opportunità Cittadella, dove avrà modo di fare il salto nella categoria Primavera e farsi notare con la possibilità di un futuro inserimento in prima squadra.

Chi è Alessandro De Luca, nuovo acquisto del Cittadella

Nato a Frosinone il 27 aprile 2006, Alessandro De Luca è cresciuto proprio nel settore giovanile del club giallazzurro, prima di trasferirsi alla Roma nell'estate del 2020. Con i capitolini ha disputato - e vinto - due stagioni fa il campionato U17, collezionando ben 20 presenze nel corso della fase regolare e 2 spezzoni di gara nella fase finale che ha portato al trionfo dei giallorossi. Dopo la promozione nell'U18 di mister Tugberk Tanrivermis, però, il suo spazio sul terreno di gioco si è ridotto drasticamente. A gennaio si è poi trasferito al Frosinone, dove ha concluso la stagione mettendo a referto 12 presenze nel campionato U18, chiuso però all'ultimo posto con la maglia della squadra giallazzurra.

Torino, definita la prima amichevole della Primavera: i dettagli
Marotta: "Flop Italia? Il problema dei giovani parte da lontano"