x

x

Storie di Primavera

Paolo Nicolato
Paolo Nicolato

Dopo aver detto addio all'Italia U21, Paolo Nicolato ha intrapreso una nuova esperienza calcistica. L'ex ct degli azzurrini è stato infatti nominato nuova guida tecnica della Nazionale della Lettonia, che due giorni fa lo ha annunciato ufficialmente e presentato alla stampa. Per parlare di questa nuova avventura che lo aspetta, l'allenatore ha parlato alle colonne della Gazzetta dello Sport. Di seguito le sue principali dichiarazioni. 

Nicolato sulla corte della Lettonia

“È una trattativa che parte da lontano. Sono stato contattato dai dirigenti della federazione lettone circa tre mesi fa. Mi hanno fatto una corte serrata proponendomi questo incarico prestigioso. Per loro si tratta della prima esperienza con un commissario tecnico straniero. Mi è stato proposto di coordinare l’attività tecnica della federazione: si tratta di un incarico che mi piace per i contenuti e per l’interesse che mi hanno dimostrato. Il loro volermi mi ha convinto”.

Nicolato ha proseguito parlando degli obiettivi per il futuro, che lo vedrà affrontare questa nuova esperienza dopo tanti anni alla guida delle Nazionali giovanili italiane. "Sarebbe già un grande obiettivo mantenere la League 3 di Nations League, dove siamo adesso. Lavoreremo per rendere questa Nazionale il più competitiva possibile. Certo, non abbiamo la bacchetta magica, servirà sicuramente lavoro e perseveranza. Il mio contratto? Per due stagioni complete. Qui le date sono diverse dalle nostre: il campionato si gioca da marzo a novembre perché in questi mesi i campi sono inutilizzabili. Riga è bellissima, vivrò qui: lo richiede il lavoro sistemico che vogliamo impostare. La struttura federale è snella: un vantaggio, così posso rapportarmi direttamente con i vertici".

Nicolato torna a parlare dell'Europeo U21: resta la delusione

Paolo Nicolato
Paolo Nicolato, ex ct dell'Italia U21

L'entusiasmo per la nuova avventura, da parte di Paolo Nicolato, si può quasi toccare con mano. Ma nella testa dell'ex ct degli azzurrini rimane viva la delusione per l'ultimo Europeo U21 disputato con l'Italia. Un torneo decisamente negativo, quello disputato nello scorso giugno dai giovani azzurri, eliminati nella fase a gironi per mano di Francia e Svizzera. Di seguito il pensiero di Nicolato: "Se l'ho superata? Per niente. Certe delusioni non passano mai. Non quando metti tutto in quello che fai e pensi di meritare di più. Poi per sfortuna o per errori non ci riesci, e un po’ disturba. Ma è lo sport che mi ha regalato molte soddisfazioni, bisogna sapere accettare anche qualche sconfitta. La differenza la fa proprio accettare".

Primavera 1, la classifica marcatori del campionato
Yildiz-Juve, i top club bussano ma i bianconeri hanno altre strategie