x

x

Il Genoa lavora già per la nuova stagione. In attesa di ufficializzare l'allenatore della Primavera, a guidare la macchina organizzativa della squadra è il team manager Matteo Natuzzi. Dopo il nono posto raggiunto nella scorsa stagione, a pochi punti dalla qualificazione ai play-off, la squadra rossoblù vuole farsi trovare pronta all'appuntamento con il nuovo campionato, che scatterà con un nuovo regolamento e un maggior numero di squadre ai nastri di partenza. Il raduno per la ripresa - comunica il sito ufficiale del Genoa - è fissato quattro giorni dopo quello della prima squadra, con sedute di allenamento previste dal 12 al 20 luglio presso il centro sportivo “Gambino” di Arenzano.

Ritiro in Piemonte: previste quattro amichevoli

In seguito, scatterà poi la seconda fase della preparazione estiva della squadra rossoblù. Dal 22 luglio al 3 agosto, la squadra si trasferirà a Garessio, località piemontese in provincia di Cuneo. Durante questo periodo, la Primavera disputerà quattro amichevoli contro avversari ancora da ufficializzare.

Esultanza del Genoa Primavera
Esultanza del Genoa Primavera

Le partite sono programmate per il 24, il 27 e il 31 luglio, oltre che per il 3 agosto. Questi incontri saranno importanti per mettere alla prova la preparazione fisica e tecnica della formazione ligure in vista dell'inizio del campionato, che quest'anno sarà più lungo del precedente, alla luce dell'aumento del numero di squadre, passate da 18 a 20. 

L'ultima fase: un altro test per la Primavera

Dal 5 agosto - conclude il sito ufficiale del club rossoblù - il gruppo della Primavera tornerà ad allenarsi in Liguria per concentrarsi sugli impegni ufficiali che si avvicineranno sempre di più. L'ultima amichevole di preparazione è prevista per il 10 agosto e sarà l'impegno che segnerà il termine della preparazione estiva. Anche in questo caso, l'avversario del Genoa per il test amichevole verrà reso noto in seguito. 

Milan, ecco Guidi: è ufficialmente il nuovo allenatore della Primavera
Inter, Tarantino punta un tecnico del Milan: la situazione