x

x

Burnete
Burnete

Mastica amaro il Lecce, che esce dal campo del Centro Sportivo Petroio con un solo punto. Dopo aver chiuso il primo tempo sul parziale di 1-3, i salentini non riescono a contenere un Empoli in grande spolvero, e al triplice fischio dell'arbitro è parità. Il Lecce sale così a quota 24 punti, scavalcando la Sampdoria che oggi giocherà con il Monza. Di seguito le pagelle dei salentini.

Primavera 1, Empoli-Lecce: la cronaca del match

Pascalau croce e delizia, Borbei non perfetto

Borbei 6 L'Empoli non arriva spesso al tiro, e lui ha poco da fare per evitare di subire gol. Incolpevole sulla rete di Bonassi e spiazzato dal rigore di Corona, poteva forse qualcosa di più sul gol di Fini, con la traiettoria del calcio di punizione che lo sorprende.

Pacia 6 Tra i due terzini è lui quello che rimane più indietro, per garantire la giusta copertura anche quando la squadra attacca. Bene nel primo tempo, nella ripresa fatica a contenere uno straripante Fini.

Pascalau 5,5 Tante grandissime chiusure nel corso di tutta la partita, ma sul risultato pesa il suo unico errore: il fallo da calcio di rigore su Nabian, con Corona che riesce a trasformare dagli 11 metri e fissare il punteggio sul 3-3.

Esposito 5,5 Non copre benissimo gli spazi, soprattutto quando Vallarelli e Bonassi lavorano sul centrodestra. Un suo fallo concede il calcio di punizione da cui Fini accorcia le distanze, oltre che costargli un cartellino.

Addo 6 Spinge parecchio, trovandosi molto spesso alle spalle di Winkelmann per creare pressione sulla retroguardia azzurra. Non arriva molte volte al cross, ma fa sentire tutto il suo apporto alla manovra.

Lecce Primavera
Lecce Primavera - MARTINA CUTRONA

Yilmaz superlativo, bene anche McJannet

Minerva 6 Fa bene da diga davanti alla difesa, soprattutto nel corso del primo tempo. Non si vede molto, ma è proprio questo il suo obiettivo: rimanere dietro le quinte per dare una mano ai suoi compagni.

Yilmaz 7,5 Senza dubbi l'MVP della sfida: la sua doppietta mette in mostra tutte le sue qualità. Primo gol che arriva su un calcio di punizione battuto in maniera perfetta, mentre la rete dell'1-2 è un tap-in che esalta il suo posizionamento offensivo. L'ex Bayer sta iniziando a prendersi Lecce.

Daka 6 Molto bene nel primo tempo, vizia il gol di Yilmaz e dà il via all'azione che porterà alla rete di McJannet. Cala però sensibilmente nel corso della ripresa, in cui non riesce più a far da padrone sulla corsia di destra.

McJannet 7 Da trequartista si abbassa spesso per dare manforte al centrocampo, facendo molto bene da collante fra i reparti. Nel finale di primo tempo trova il gol che sembra chiudere definitivamente la gara.

Winkelmann 6 Si fa vedere a sprazzi, mettendo però in mostra belle giocate. Nel primo tempo dà mostra di tutto il suo talento nell'uno contro uno, andando anche vicino al gol con un bel tiro a giro. Cala parecchio nel secondo tempo.

Burnete non incide

Burnete 5,5 Ci prova, lotta su ogni pallone e fa il possibile per rendersi pericoloso: è però l'osservato speciale della difesa azzurra, che lo limita bene per tutta la gara.

Sardo, dalla Serie D alla Lazio: Sarri osserva il centrocampista
Nsiala granitico, Camarda cinico: le pagelle del Milan