Viareggio Cup

Fiorentina, Papalato non si nasconde: "Vogliamo vincere il Viareggio"

L'allenatore ha parlato dopo la vittoria sulla Stella Rossa

12.02.2024 23:54

Buona la prima per la Fiorentina alla Viareggio Cup. La squadra U18 dei viola, allenata da Christian Papalato, ha battuto per 4-1 la Stella Rossa nel match giocato al “Viola Park”. Un successo mai in discussione per i gigliati, che hanno cominciato la competizione nel migliore dei modi aggiudicandosi subito il bottino pieno. Al termine della gara, l'allenatore Papalato si è presentato in zona mista per commentare la prestazione dei suoi ragazzi. Di seguito le sue parole. 

Le parole di Papalato dopo Fiorentina-Stella Rossa

Sulla partita: “Non è una frase fatta dire che sono tutte importanti. Si dice la verità, perché poi dall'altra parte i nigeriani hanno vinto 6-0 contro la Carrarese. La Stella Rossa è una squadra forte fisicamente e mi aspetto che i nigeriani lo siano altrettanto, mentre la Carrarese fa la Primavera 3. Noi abbiamo il massimo rispetto e sappiamo che dovremo giocare tutte le partite al massimo delle nostre possibilità. Chi parte bene è già a metà dell'opera. Ma abbiamo ancora due partite contro due squadre che ci daranno filo da torcere".

Riscaldamento al Viola Park
La Fiorentina, in campo al Viola Park per la Viareggio Cup

Sull'obiettivo: “Vogliamo vincere il Viareggio. Se ti iscrivi, lo vuoi vincere. Parliamo della Fiorentina e noi ragioniamo così in tutte le competizioni. Non sarà semplice, perché il Torneo di Viareggio ha grande tradizione e verranno tutti agguerriti. In più giochiamo in casa nostra e questo per noi è importante, ma al tempo stesso ci dà responsabilità. Dopo la semifinale dell'anno scorso è normale che l'obiettivo primario sia fare lo stesso, ma vogliamo fare meglio”. 

Sul Viola Park: “Giocare qui è fantastico, perché è casa nostra. Il presidente ci tiene, sappiamo i sacrifici che ha fatto per fare questo. Non potevamo chiedere niente di meglio”. 

Papalato sui singoli: portieri e fuoriquota

Su Vannucchi: “Non esistono titolari. Abbiamo un gruppo di portieri importante. Vannucchi ha grandissima qualità, Martinelli per assurdo potrebbe fare questo torneo e poi abbiamo Leonardelli che è nel giro della Nazionale. Abbiamo anche un argentino, che viene dall'Imolese, che sta dimostrando di poterci stare. Sono tutti di altissimo livello”. 

Sui fuoriquota: “Li ho visti benissimo. Non è mai facile scendere di livello, si può sottovalutare la partita. Invece hanno avuto un ottimo atteggiamento. Abbiamo creato quasi una decina di palle gol, nel complesso sia i 2005 che i 2006 hanno fatto benissimo”. 

Raimondo, dal Bologna con Mihajlovic ai gol in B alla Ternana
Diamanti scherza: "Mi serve un attaccante", spunta la foto con Big Mac