Primavera 2A

Spezia-Virtus Entella, le pagelle degli aquilotti: Russotto decisivo, entra alla grande Ciccarelli

Le pagelle dello Spezia

Niccolò Parenti
22.02.2020 16:26

Angeletti (6): si fa trovare sempre pronto, parando il possibile.

Nobile (6): sempre più importante per la squadra, oggi nelle vesti di capitano non trema nei momenti di maggiore forcing avversario.

Russotto (7): Capitalizza alla grande l'assist di Ciccarelli e segna il gol che corona un grande secondi tempo di tutta la formazione.

Bellotti (6): soffre nel primo tempo per i  continui tocchi di prima avversari, migliora nella ripresa. Dal 83' Conti (S.v)

Lacassia (6): buon primo tempo da parte sua, sempre pericoloso nei calci d'angolo. Dal 46' Bertola (6) da ottimo equilibrio al suo reparto per il resto del secondo tempo.

Reinhart (6,5): di ritorno dalla prima squadra, gioca come sempre con un'intensità diversa dal solita, ogni suo contrasto è calcolato e pure oggi si fa notare alla grande.

Continella (6): sostutuire Marianelli non è facile, ma piano piano lui si sta sempre più abituando. Dal 52 'Ciccarelli (6,5): entra alla grande, realizza l'assist decisivo per il pareggio da calcio d'angolo ed insieme a Gaddini mette in grande difficoltà l'Entella nei minuti finali.

Gaddini (6,5); primo tempo abbastanza opaco da parte sua, ma nella ripresa torna ai suoi livelli abituali, sfiora il gol del pari con un tiro meraviglioso da fuori area che si stampa sulla traversa.

Bachini (6): non sempre nel vivo dell'azione ,ma si sacrifica alla grande quando c'è da correre.

Baracchini (6): senza Pinto per la maggior parte della gara soffre l'assenza di un partner con caratteristiche simili in avanti, ma in fase di appoggio è sempre utile.

Pinto (6): la sua partita dura mezz'ora, troppo poco per mettersi in gran mostra. Dal 35' Franzoni (6) entra bene in gara, sopratutto nel secondo tempo contiene bene i movimenti avversari.

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 20^ giornata: Buso accorcia nel 2A, nel B Sueva sale in vetta
Milan-Spal, le pagelle dei rossoneri: Tonin incontenibile, Olzer ispirato