x

x

A cavallo tra la fine di una stagione e l'inizio del campionato successivo, per molti club è tempo di valutazioni in vista del futuro. Un discorso che vale anche per il Torino, dove uno dei temi da affrontare in questi giorni riguarda il destino di Giuseppe Scurto, allenatore della Primavera granata. Ne parla l'edizione odierna di Tuttosport, facendo il punto sulla situazione del tecnico e ipotizzando i possibili scenari che potrebbero avvenire a breve termine. 

Torino-Scurto, riflessioni in corso

La riflessione è bilaterale: il matrimonio finora è stato molto felice, ma le due parti si parleranno per capire se le motivazioni - si legge - siano ancora forti a sufficienza per proseguire insieme. Stando al contratto, il legame andrebbe avanti ancora per una stagione, visto che l'attuale scadenza di Scurto è nel giugno del 2025. Il Torino apprezza molto il lavoro svolto dal tecnico, che a sua volta sta bene nel club granata, ma vorrebbe anche accelerare il processo che lo dovrebbe portare ad allenare nel calcio dei grandi. 

Giuseppe Scurto
Scurto, allenatore della Primavera del Torino

Dopo alcune valutazioni da parte di club di Serie C nello scorso anno, finora non sono giunti interessi concreti per l'allenatore della Primavera, che non disdegnerebbe - prosegue il quotidiano - la possibilità di andare all'estero. Nei prossimi giorni Scurto si incontrerà con Ludergnani, con il quale i rapporti sono da sempre ottimi, e i due tireranno le somme e decideranno il futuro. 

I nodi da sciogliere

Oltre a un discorso di motivazioni e di eventuali offerte, Tuttosport spiega come una parte importante la giocheranno anche le ambizioni del club. I continui “saccheggi” dei titolari da parte di Juric, nel corso della stagione, hanno indebolito la rosa di Scurto, che ha perso alcuni punti in campionato ed è arrivato alla finale di Coppa Italia con tanti elementi di spicco arrivati col fiato corto. Le rassicurazioni del club potrebbero convincerlo a proseguire insieme per un altro anno, mettendo da parte eventuali chiamate da società di Serie C. L'importante è che entrambe le parti siano convinte di proseguire assieme il matrimonio, senza che ci sia del malcontento. Le riserve sul futuro del tecnico, conclude il giornale, dovrebbero sciogliersi entro la fine di questa settimana. Parallelamente, il club valuta le opzioni per i giovani della Primavera a fine ciclo: alcuni prenderanno parte al ritiro con la prima squadra, mentre per altri lo scenario in vista è quello di una partenza, in prestito o a titolo definitivo.

Camarda, è ufficiale: ecco il primo contratto con il Milan. I dettagli
Genoa, addio Agostini? Due candidati "interni" per la successione