Milan - MARTIN COCCIOLO
Milan

Milan, primo contratto da professionista per Perina: i dettagli

Per il classe 2006 pronto un biennale fino al 2026

01.02.2024 17:40

Una carriera ancora divisa tra Under 18 (dove ha disputato quest'anno 18 partite condite da 4 gol) e Primavera, con tante altre pagine della sua personalissima storia al Milan ancora da scrivere: Gioele Perina ha firmato il suo primo contratto da professionista con i rossoneri; per lui pronto un biennale fino al 30 giugno 2026, come si legge sui canali ufficiali del club che ha appena diffuso la notizia.

Milan
L'esultanza del Milan Primavera 

Gioele Perina, vietato rilassarsi ora

17 anni ancora per nove giorni, questo è ciò che recita la carta d'identità di Gioele Perina. Un momento simbolico per l'attaccante classe 2006, che si iscrive al mondo dei grandi e adesso aggiusterà il timone verso qualcosa di mai provato prima. Il mondo del professionismo nasconde tante insidie, soprattutto se tutto questo collima con il primo anno diviso tra l'Under 18 e la Primavera; insomma, prima la fiducia di Ignazio Abate, che lo ha schierato 6 volte in questa prima parte di stagione (3 di campionato e 3 di Coppa Italia Primavera), poi la fiducia del club di Via Aldo Rossi. E' come svegliarsi da un sogno, per poi trovarsi nuovamente in un sogno: una doppia scarica di adrenalina che siamo certi lo aiuterà a trovare una seconda parte di stagione ancor più convincente. Parte dunque l'inseguimento ad un trofeo che da tanti, troppi anni, non gravita dalle parti di Milanello: il Milan ha adesso un'arma in più nel proprio arsenale. 

Ibrahimovic, l'idea di Zlatan per il futuro del Milan

Gioele Perina, punto di partenza

Guai a chiamarlo traguardo: il momento della prima firma da professionista è semmai una tappa obbligatoria nella carriera di un calciatore, una di quelle cose che ti cambiano prospettiva e ambizioni. Il traguardo implica una fine, questo invece è solo l'inizio di qualcosa che gli auguriamo possa avere dimensioni ancora maggiori. Come una sosta in un gran premio della montagna per un ciclista, o una pausa dopo i primi 5 chilometri per un maratoneta: il primo contratto è un momento che mescola soddisfazione e consapevolezza di quanta strada ancora ci sia davanti. Adesso, l'imperativo è continuare a correre e sputare sangue e sudore nel rettangolo verde, per finire al meglio una stagione ancora lunga e nutrita di impegni (anche internazionali, visto che tra poco tornerà la Youth League a bussare): e magari, chissà, aiutare la squadra a costruire qualcosa di importante per crescere e mettere minuti ed esperienza nelle gambe. 

Raimondo, dal Bologna con Mihajlovic ai gol in B alla Ternana
Atalanta, porte girevoli a Zingonia: mercato bollente nelle ultime ore