Youth League

Youth League, il resconto della 6^ giornata: Inter avanti e prima, nessuna sorpresa negli altri verdetti

Il resoconto della 6^ giornata di Youth League

Simone Brianti
10.12.2019 19:40

Giornata di verdetti nell'ultimo turno di Youth League valido per la fase a gironi. Al termine di questa sesta giornata zero sorprese per quanto riguardo le prime due di ogni girone che erano ormai già decise nella giornata precedente. Nel Gruppo G Benfica e Lione vincono di misura le rispettive partite casalinghe e le posizioni rimangono invariate: primi i portoghesi mentre i francesi sono la seconda forza. Nel Gruppo H Ajax e Lilli vanno a braccetto, eliminando a sorpresa il Chelsea, entrambe le sfide terminate con il risultato di 1-1, senza farsi male dunque. 

ORISTANIO-KINKOUE LANCIANO I NERAZZURRI PRIMI NEL GIRONE...

LA CRONACA DI INTER-BARCELLONA

LE PAGELLE DELL'INTER

Dopo due sconfitte che hanno complicato il passaggio del turno per i nerazzurri è arrivata la vittoria sofferta contro il Barcellona. Un gol per tempo e la squadra allenata da mister Madonna ha regolato i blaugrana. Oristanio prima e Kinkoue nel recupero hanno mandato in estasi il Breda che ha potuto gioire per il passaggio del Girone da primi della classe. Obbiettivo raggiunto dunque per la squadra nerazzurra. Nell'altra sfida del Girone il Dortmund regola con una manita lo Slavia Praga e passa come seconda. 

UN PARI SENZA DOLORI PER SALUTARE LA COMPETIZIONE PER IL NAPOLI...

LA CRONACA DI NAPOLI-GENK

LE PAGELLE DEL NAPOLI

Il Napoli ormai eliminato da un paio di turni ha salutato la competizione senza dolori. La sfida con il Genk aveva poco da regalare, siccome entrambe le squadre erano già eliminate. Nella sfida di Frattamaggiore ne è nato un pari senza reti e senza emozioni. Nell'altra sfida del Girone più emozioni e gol, con la gara fra Liverpool e Salisburgo terminata con la vittoria degli inglesi per 3-2. 

 

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 20^ giornata: Buso accorcia nel 2A, nel B Sueva sale in vetta
Roma, rinnovato il contratto di Chierico