Empoli

Empoli-Genoa, le pagelle degli azzurri: Pratelli eroe mancato, Adamoli lotta da ex

Le pagelle della formazione di mister Buscé

Filippo Ferraioli
21.12.2019 17:40

Empoli-Genoa, le pagelle degli azzurriPratelli 6,5: pomeriggio da eroe mancato per il numero uno azzurro, che parando il rigore calciato da Piccardo era riuscito a proteggere il prezioso vantaggio dei suoi. Battuto senza colpe allo scadere.

Donati 6,5: prestazione di grande personalità per il laterale destro, che presidia senza affanni la sua zona di competenza e non perde occasione per appoggiare le manovre offensive.

Matteucci 6,5: il capitano governa la difesa con mestiere e carattere, mettendo il bavaglio alle punte avversarie. Ottimo anche nella gestione del pallone, con lanci precisi sempre recapitati sui piedi dei compagni.

Viti 6: il più giovane dell'undici titolare toscano si conferma difensore di buona prospettiva, giocando da spalla affidabile di capitan Matteucci e soffrendo il giusto contro le punte avversarie.

IL GIORNALISMO È IL TUO SOGNO? CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL LABORATORIO DE LA GIOVANE ITALIA!

Adamoli 6,5: l'ex di turno gioca una gara col coltello tra i denti. Il più sollecitato del reparto arretrato, perché la manovra del Genoa pende sulla sua corsia, il mancino azzurro risponde presente con buoni recuperi, proponendosi anche in fase di spinta.

Zelenkovs 6: partita a due facce per il mancino lettone. Male nel primo tempo in cabina di regia, decisamente meglio nella ripresa quando viene spostato nella più congeniale posizione di trequartista. Pennella l'angolo per il vantaggio di Cannavò.

Belardinelli 6: prestazione non trascendentale, ma comunque arricchita da fisicità e sagacia tattica indispensabili per la mediana empolese. Il terreno di gioco non consentiva svolazzi: lui lascia a casa il fioretto e si arma di sciabola, guadagnando la sufficienza.

Sidibe 5,5: partenza sprint, in un avvio di gara che lo vede tra i migliori dei suoi. Si spegne però alla distanza, calando vistosamente prima del cambio arrivato a metà ripresa. (68' Lombardi 5,5: ingresso in campo propositivo il suo, con buon lavoro in interdizione e movimenti spesso azzeccati negli ultimi venti metri. Manca però un paio di buone occasioni in area avversaria, errori che pesano nell'economia del risultato finale).

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM DI MONDOPRIMAVERA!

Bozhanaj 5: un po' falso nove e un po' trequartista, rimane a metà del guado come la sua posizione in campo. Poco da segnalare nei suoi 45', prima del cambio a metà gara. (46' Asslani 6,5: ottimo l'impatto del regista classe 2002, che con le sue giocate semplici ma efficaci mette ordine in mezzo al campo e restituisce equilibrio all'Empoli. Prova anche la conclusione in un paio di occasioni: mister Buscé avrà sicuramente preso nota).

Cannavò 6,5: quasi un'ora di gioco passata a sbattersi alla ricerca del pallone giusto, che viene recapitato sulla sua testa dal mancino di Zelenkovs per il vantaggio azzurro. Ottimo lo spirito col quale lotta su ogni pallone, fino al momento del cambio. (80' Lipari s.v.).

Bertolini 5,5: qualche guizzo in più rispetto a Bozhanaj, ma nel complesso anche il suo primo tempo tende al grigio, proprio come il cielo sopra Monteboro. (46' Ekong 5: il classe 2002 non impatta nel modo giusto sulla partita, rivelandosi quasi nullo nell'economia del gioco azzurro. Costantemente anticipato dai centrali ospiti, mai incisivo in zona offensiva).

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 13^ giornata: Ruocco agguanta la vetta e Buso fa un bel balzo nel B accorcia Sueva
[FINALE] - Primavera 1, Lazio-Fiorentina 2-1: biancocelesti cinici, ospiti spreconi. Bianchi regala una perla, Spalluto sbaglia troppo