Roma

Roma, brutto infortunio per Santese

Il difensore ha riportato una lesione di terzo grado al compartimento esterno della caviglia destra

Karim Dafirbillah
18.02.2020 10:20

​​​​​​

 

VUOI ACQUISTARE L'ALMANACCO DE 'LA GIOVANE ITALIA'? SCOPRI COME!

 

Paura, ieri, durante gli allenamenti, per la squadra di De Rossi: il difensore Alessio Santese ha riportato una lesione di terzo grado al compartimento esterno della caviglia destra. Quando mancava un minuto alla fine della partitella d'allenamento, Alessio sale per seguire l'azione che si sta sviluppando sulla destra, parte il cross e lui si prepara per colpire al volo con l'esterno ma appena il piede tocca il suolo ecco il brutto colpo: un movimento a dir poco scomposto per la caviglia che fa temere il peggio. Le urla strazianti del ragazzo attirano immediatamente l'attenzione di tutti e di lì a poco viene trasportato in ospedale: grazie a Dio nulla di rotto. Una brutta tegola per la squadra e per il difensore anche in prospettiva del ritorno di Coppa Italia domani, contro l'Hellas, visto che quasi sicuramente sarebbe sceso in campo per aiutare i compagni a recuperare lo svantaggio di 2-0 dell'andata. Un infortunio che si aggiunge a quello di Bouah, ancora in fase di recupero, e di Bove. Il difensore di Ostia, ripresosi dalla paura, ha rassicurato tutti sul suo social preferito (Instagram), facendo notare che la sua passione e professione ha anche questi risvolti e che il suo rammarico più grande è di non poter essere domani in campo. Santese, finora, ha collezionato quattro presenze in campionato contro Chievo, Sassuolo, Bologna e Fiorentina ed è stata sempre vittoria... Un 'talismano portafortuna' dice lui. Ora bisogna aspettare i tempi di recupero che dovrebbero variare tra i due e i tre mesi ma lui spera, crede, di rientrare prima perché se così fosse dovrebbe salutare in anticipo la stagione e questo non glielo auguriamo di certo. Torna presto ragazzo!

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 20^ giornata: Buso accorcia nel 2A, nel B Sueva sale in vetta
Favro e Marconi ci raccontano la loro America