Fiorentina

Fiorentina-Inter, le pagelle dei viola: David insegna calcio, Gentile domina la fascia

Le pagelle dei ragazzi di Aquilani

16.02.2022 15:54

Andonov 6: spettatore non pagante per ampi tratti della partita. Il gol di Carboni non è frutto di sue responsabilità.

Gentile 7,5: ara la catena di destra, dominando il duello con Pelamatti e proponendosi spesso come esterno d'attacco aggiunto. Partita totale, da un capo all'altro del campo. Dal 91'Larsen S.V.

Frison 6,5: non deve neanche sudare per arginare gli attacchi dell'Inter; provano a rotazione Iliev, Jurgens e Peschetola a creargli problemi, ma niente da fare.

Di Stefano 6,5: primo tempo di qualità e fantasia, il registro delle giocate è alto anche nella ripresa; tanti cross taglienti e dribbling brucianti Dal 72'Gori 6: protegge il pallone e fa alzare il baricentro alla squadra.

Egharevba 7: il solito fattore offensivo, quando spalanca il turbo in campo aperto, la viola è una scheggia impazzita.

Favasuli 6,5: lavoro egregio nell'annullare col passare dei minuti Zanotti; cresce gradualmente, ma si fa vedere in avanti con grande continuità.

David 8: nel primo quarto d'ora della ripresa è semplicemente immarcabile. Ci manda nella stratosfera con un gol pazzesco che rilancia le ambizioni dei suoi, nel finale si mette in cattedra a dispensare giocate da professore. Dal 91'Scariano S.V.

Neri 7: si lancia sul pallone e lascia di stucco Rovida, per arrotondare il risultato e mettere in ghiaccio i tre punti. Sui calci piazzati è sempre velenoso.

Toci 6: tanto lavoro sporco e corsa al servizio degli inserimenti dei compagni; arriva però in apnea nella zona calda del campo. Dal 72'Kayode 6: partita più di gestione che di progressione, per lui che ha un passo devastante. Si adegua ai ritmi più bassi e gestisce le sgasate con intelligenza, per non far sfilacciare i reparti.

Amatucci 6,5: una bella conferma nel centrocampo viola, tanta qualità in una partita in cui doveva raccogliere la pesantissima eredità di Corradini e Bianco. Esame superato a pieni voti perché non li fa rimpiangere, anzi.

Krastev 6: puntuale negli interventi; qualche intoppo in più in fase di impostazione, ma le qualità per crescere ci sono.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 34^ giornata: vince Ambrosino, Di Stefano e Nasti sul podio
Sampdoria-Napoli, le pagelle dei blucerchiati: Pozzato infaticabile, Leonardi goal da fantascienza