Pescara

Gabriele Zappa, il terzino goleador del Pescara

Focus su uno dei terzini più interessanti della Serie B

Niccolò Parenti
09.05.2020 12:00

Atletisimo, propensione offensiva e sacrificio nelle fasi di maggior copertura, queste sono le principali doti di Gabriele Zappa, terzino cresciuto nel vivaio dellInter, che in questa stagione con il Pescara si è rivelato come una delle stelle più splendenti del campionato cadetto. Nato a Monza il 21 Dicembre 1999, passa tutta la trafila delle giovanili dell'Inter, e nel 2017, effettua il proprio debutto nella formazione primavera. La stagione successiva quella 2017/2018, è un successo totale, si rivela uno dei migliori terzini della campionato giocando la maggior parte delle partite da titolare e riuscendo a trovare la rete per ben due volte, la principale dote che si nota di lui è la capacità di inserimento sulla fascia che lo spinge all'occorrenza a giocare da esterno destro di centrocampo, servendo così molte volte cross invitanti per gli attaccanti. La sua prima esperienza nella nuova categoria è un trionfo, vincendo la Supercoppa, la Viareggio Cup e come ciliegina sulla torta il campionato Primavera. 

La stagione successiva non è fortunata dal punto di vista delle vittorie di squadra, ma continua ad accumulare esperienza, confermandosi titolare della propria fascia. Il 30 Gennaio 2019, durante le ultime ore di mercato passa per tre milioni di euro al Pescara, ma rimane in prestito alla formazione nerazzurra per il resto della stagione, con L'Inter che gode di una clausola di recompra fissata a quattro milioni di euro.

A Giugno passa in Abruzzo agli ordini di mister Zauri, durante i primi mesi non riesce a trovare grandi spazi, soffrendo la concorrenza di Balzano e di Vitturini, ma con l'arrivo di Gennaio e con il cambio di guida tecnica con mister Nicola Legrottaglie, il giovane riesce a trovare la giusta continuità diventando titolare fisso, oltre a questo trova la via del gol per tre volte nel giro di un mese contro ii Pordenone, Cosenza e Cittadella.

Con queste prestazioni da prima pagina, Gabriele ha  attirato attorno a se grandi aspettative, in un ruolo che negli ultimi anni il nostro paese ha avuto difficoltà a dover ricoprire in nazionale, ma con la sua esplosione e alle ottime prestazioni, sempre nel campionato cadetto di Birindelli del Pisa e Zortea della Cremonese, può sperare di poter essere rappresentato in maniera convincente nei prossimi anni.

La favola di Michele Bragantini, il "Morisaki" del ChievoVerona
Gennaro Borrelli, la punta pescarese cresciuta tra luci e ombre