Primavera Tim Cup

Fiorentina-Juventus, le pagelle dei viola: Dutu autoritario, Beloko inesauribile

Le pagelle dei padroni di casa

Francesco Bianchi
05.02.2020 19:08

VUOI ACQUISTARE L'ALMANACCO DE "LA GIOVANE ITALIA" ED OTTENERE UNO SCONTO? SCOPRI COME!

Brancolini 6: incolpevole sul gol subito; è una deviazione a metterlo fuori causa. Per il resto dei 90' sostanzialmente inoperoso.

Pierozzi E. 6: il suo grado di coinvolgimento è inversamente proporzionale all'aumento di ritmo dei viola. Essenzialmente, più partecipe alla manovra nei primi 45' che nel resto della partita.

Dutu 7: autoritario, trasmette sicurezza all'intero reparto. Sfiora il gol con un gran colpo di testa, deviato a lato da Israel.

Dalle Mura 6,5: ordinato, gioca con un'invidiabile serenità. Praticamente impeccabile in marcatura.

Ponsi 5,5: fatica nel primo tempo, cresce insieme ai suoi compagni nella ripresa. Tuttavia, la prestazione rimane po' scialba.

Fiorini 6: pulito nelle giocate e nei disimpegni, dà vivacità alla manovra anche se cala vistosamente nel finale.

Beloko 7: ha il potere di trasformare le trame di gioco avversarie in transizioni offensive per i suoi. Bravo ad interdire, ma anche a proporre ed a proporsi; è una batteria inesauribile.

Lovisa 5,5: macina tanti chilometri ma non riesce ad incidere. Dal 72' Pierozzi N. s.v.

Fruk 5,5: non entra mai pienamente in partita, lavora tanto tra le linee senza riuscire ad essere concreto. Dal 72' Spalluto s.v.

Koffi 6,5: nonostante ci sia più di una lacuna da colmare, con la palla nei piedi fa sostanzialmente quello che vuole. Con una maggiore continuità all'interno dei novanta minuti può diventare un giocatore devastante.

Kukovec 6: statico e impreciso nel primo tempo. Inizia la ripresa alla grande, mettendo a segno un gol da grande opportunista che riporta il match in parità; poi subentra la stanchezza. Dal 90' Agostinelli s.v.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 20^ giornata: Mulattieri si prende la vetta, accorcia D'Amico
ESCLUSIVA MP- Trapani, Cataldi: "posso ancora crescere in tutto, anche dove magari sono già migliorato molto in questi anni".