ChievoVerona: corsa, movimento e fisico: il primo allenamento del ritiro

Matteo Zampini
01.08.2019 00:53

ChievoVerona, primo allenamento della nuova Primavera di Paolo Andrea Mandelli

Vacanze finite per la Primavera di Paolo Andrea Mandelli che oggi è tornata al lavoro per preparare il prossimo campionato di Primavera 1. Tanti i volti nuovi per le cessioni ma anche per i limiti di età raggiunti. Della vecchia rosa comunque sono presenti anche alcuni big della stagione scorsa. Elia Caprile e Michele Bragantini si alterneranno tra i pali a cui si aggiungerà il classe 2003 Jacopo Malaguti, promosso dall'Under 17 ma che ha già esordito in Primavera la passta stagione. In difesa non mancherà l'esperienza di Daniel Pavlev. A centrocampo Antonio Metlika e Emanuele Zuelli daranno un rapporto importante, da segnalare l'ingresso del l'italo-canadese Damian Thomas Iamarino, promosso dal progetto Chievo International. L'attacco dei clivensi, persi Juwara, Bertagnoli, Vignato, sarà sulle spalle di Pietro Rovaglia (nel mirino delle grandi) e di Filippo Tuzzo, l'uomo della provvidenza che da quest'anno partirà  titolare.

L'allenamento con un forte vento e un cielo nuvoloso è iniziato alle 16.20. Mandelli ha prima radunato tutta la squadra per un discorso. Per prima cosa si è lavorato sul fisico con stretching e flessioni. A seguire lavoro con ostacoli per tutta la squadra. A metà allenamento Mandelli ha diviso il gruppo in due (tranne i portieri) per lavoro con o senza palla insieme al suo vice Alessio Baresi. Il lavoro con il pallone è proseguito dopo con la squadra divisa in due squadre con cui si è impostato una simulazione di partita ma senza porte. L'allenamento è terminato con una corsa libera con scatto e lavoro di scarico.

I portieri insieme al preparatore Nicolas Cancarini hanno svolto un lavoro di routine con vari tiri da dentro l'area e corsa leggera. Alcuni elementi in ritardo sulla preparazione fisica ha svolto esercizi di potenziamento con il preparatore atletico Romeo Nero. Presente anche il presidente Luca Campedelli: il patron gialloblu ha salutato.

L'obiettivo e sempre quello di migliorarsi, raggiungere le finali scudetto in un campionato ormai sempre più d'alto livello e consegnare alla prima squadra elementi pronti per il salto in prima squadra. I clivensi anche quest'anno vogliono recitare un ruolo da protagonisti.

ChievoVerona, colpo per Mandelli: preso il difensore Leggero dal Torino
ChievoVerona, blitz per Schafer: la situazione