Primavera 2B

C'è un treno da non 'perdere': Perugia, Metelli corre verso il suo sogno

Approfondimento sul giovane talento del Perugia Primavera

Angelo Zarra
02.04.2020 12:00

VUOI ACQUISTARE L’ALMANACCO DE ‘LA GIOVANE ITALIA' E AVERE UNO SCONTO? SCOPRI COME!

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Dedizione e sacrificio, per rincorrere il proprio sogno. Chilometri e chilometri per raggiungere il campo di allenamento ogni giorno. Da Foligno a Perugia andata e ritorno. La scuola, poi il pranzo e via: sulle spalle sempre il solito borsone, riempito con tutto ciò che serve per gli allenamenti ma anche tanta, tanta passione. C'è un treno da prendere. Da non perdere.

E' la routine abituale di Edoardo Metelli. Talento cristallino, promessa calcistica del Perugia, Nato nel 2001, dopo l'esperienza nella del suo paese con la Polisportiva Nuova Fulginium, il giovane sbarca nel vivaio del Perugia all'età di 13 anni. Dal suo ingresso nel settore giovanile umbro però il suo ruolo cambia, i vari tecnici che lo hanno allenato negli anni cambiano sua la posizione in campo, dall’esterno passa a fare la prima punta. Cresce con il mito calcistico di Alessandro Del Piero, suo idolo da sempre, ma durante il suo processo di crescita prende ispirazione da Robert Lewandoski. Vicino alla porta, proprio come il campione polacco, trova il suo habitat naturale. Non solo dal punto di vista delle reti.  Sotto il punto di vista delle reti, al secondo anno di Primavera 2, ha eguagliato già il bottino complessivo raccolto nella scorsa stagione. L’ultima rete proprio nell’ultima gara disputata contro la Juve Stabia prima dello stop dei campionati. Ma nel corso delle ultime due stagioni, Metelli si è avvicinato al “bomber a tutto tonto”. Cinico sotto porta ma bravo allo stesso tempo a giocare per la squadra, è migliorato soprattutto nel tenere palla e creare spazio ai propri compagni con i suoi movimenti.

Il suo processo di crescita è ovviamente ancora lungo, si perfezionerà negli anni soprattutto quando affronterà le prime stagioni in prima squadra. Ma il giovane Edoardo è sul treno giusto, bisogna continuare su questi binari per agguantare il prima possibile il sogno del calcio professionistico

Luca Falbo, l'esterno gentleman e ambizioso della Lazio
Calcio, amici ed un sogno nel cassetto: Alessandro Mercati, il fantasista con il cuore neroverde