Primavera 1

Calcio, amici ed un sogno nel cassetto: Alessandro Mercati, il fantasista con il cuore neroverde

Alla scoperta di Alessandro Mercati, centrocampista del Sassuolo Primavera

Manuel Contartese
03.04.2020 12:00

Foto: A. Benaglia

Per il Sassuolo questo Campionato Primavera 1 non stava procedendo affatto male: i neroverdi, a quota 27 punti in classifica, erano in corsa per un posto in zona play-off, distante solo una manciata di punti. A causa dell'emergenza nazionale e della sospensione del torneo, tuttavia, il Sassuolo è rimasto inchiodato al nono posto, nell'attesa di comprendere quali saranno le soluzioni decretate dagli organi amministrativi. In ogni caso, per gli emiliani è stata comunque un'ottima annata, soprattutto sul piano della crescita dei giocatori: mister Turrini ha fatto un grandissimo lavoro con i suoi ragazzi, dando inoltre la possibilità a diversi giovani dell'Under 18 di esordire con la sua formazione. Tra questi, non si può non citare Alessandro Mercati.

Centrocampista classe 2002, Alessandro inizia la sua avventura nel mondo del pallone a 7 anni, quando entra a far parte del Castelnuovo de' Monti grazie al "Progetto Montagna". Fin da subito diversi club notano il suo talento, contattandolo per offrirgli un posto nel loro settore giovanile: Juve, Bologna e Sassuolo si fanno avanti, ma Mercati preferisce prima finire le elementari, continuando a fare esperienza nel Castelnuovo. Una volta arrivato in prima media, il ragazzo inizia a guardarsi attorno e a valutare le proposte dei vari club, decidendo poi di firmare con il Sassuolo. Inizia così la sua avventura in neroverde e la sua gavetta attraverso le varie divisioni del settore giovanile, fino ad arrivare in Under 18 e, come già anticipato, allenandosi e scendendo in campo anche con la Primavera.

Trequartista naturale, Mercati può facilmente adattarsi anche come mezzala in caso di necessità della squadra; anche grazie ai consigl e agli insegnamenti di mister Mandelli, attuale tecnico del ChievoVerona Primavera che ha allenato l'U16 degli emiliani, Alessandro è riuscito a crescere e ad affinare le sue qualità tecniche da numero 10. Ma non solo: una sua dote è anche il tiro da fuori, come testimonia il gol segnato l'anno scorso al Livorno: una botta dai 40 metri che ha sorpreso tutti, portiere compreso, e ha terminato la sua folle corsa in fondo alla rete.

Alessandro ama la compagnia delle persone e dei suoi amici: il suo carattere estroverso gli ha permesso di legare con moltissimi compagni di squadra, come Aurelio e Vitali, e in particolare con Brian Oddei, con il quale ha condiviso gran parte della sua esperienza in neroverde. La compagnia degli amici è il suo modo preferito per trascorrere il tempo libero: poco importa se per un torneo a FIFA o per una passeggiata.

Il ragazzo sta proseguendo anche nella sua carriera scolastica, parallelamente a quella calcistica: Mercati ha sempre tenuto in grande considerazione la scuola, ed ha intenzione di proseguire con l'università una volta terminato il liceo scientifico. Le idee sulla laurea cominciano già a definirsi: la sua grande passione è la storia, ed è ciò che gli piacerebbe studiare una volta diplomato.

Come tanti altri giovani calciatori, anche Mercati ha il suo idolo: si parla di Paul Pogba, centrocampista attualmente in forza al Manchester United che ha dimostrato anche in campo internazionale il suo valore ed ha stregato molti appassionati con le sue magie. Menzione d'onore anche per Nicolò Zaniolo: il giovanissimo trequartista esploso a Roma è una grande fonte di ispirazione per Alessandro.

Voglia di fare ed esuberanza, ma anche piedi per terra e testa sulle spalle: Alessandro sa di dover lavorare sodo ed è pronto a sporcarsi le mani per raggiungere i suoi obiettivi. Il suo sogno è quello di esordire, un giorno, in serie A, magari proprio con la maglia del Sassuolo. L'importante però, per Mercati, è quello di essere un calciatore e di poter proseguire la propria carriera nel mondo dello sport. Il talento e la coscienziosità, senza dubbio, non mancano: noi di MondoPrimavera.com facciamo i nostri migliori auguri al ragazzo, affinchè possa continuare nel migliore dei modi la propria carriera.

 

Luca Falbo, l'esterno gentleman e ambizioso della Lazio
Campionati giovanili sospesi, la Primavera attende in bilico