Venezia

Venezia-L.R. Vicenza, le pagelle dei lagunari: Jonsson paga per tutti, Da Pozzo agita la fascia

Le pagelle della squadra di Soncin

VELCEA 6: Prima uscita stagionale complessivamente solida, non può evitare i due gol avversari.

KYVIK 6: Scolastico, ma diligente, non concede spazi sul suo lato ad un attacco avversario vispo e presente fisicamente (dall'85' MAGNUSSON S.V.).

BAUDOUIN 5,5: Mai così in difficoltà quest'anno, concede sempre lo stop e la giocata spalle alla porta ad Alessio.

MAKADJI 5,5: Non si eleva più del livello medio di contrasti come è in grado di fare, meno brillante del solito anche nelle giocate con la palla.

DA POZZO 6,5: Senza Remy sul suo lato prende tutte le decisioni e le scelte rischiose in prima persona, risultando un fattore offensivo importante dalla destra dei suoi.

JONSSON 4,5: Una prestazione anonima e scialba che si trasforma in totalmente negativa con un errore marchiano che porta al gol vittoria avversario.

BORECKI 6: Alla prima uscita stagionale gioca dove non lo abbiamo mai visto in maglia Venezia, dirigendo le operazioni senza lampi da vertice basso (dal 61' SANDBERG 6, nella concitazione dell'ultima mezz'ora limita le palle dirette avversarie verso le punte).

BOUDRI 6: L'onere delle scelte complesse e rischiose spesso è il suo, gli manca un pizzico per risultare decisivo.

CAMOLESE 6: Non delude mai a livello di concentrazione e agonismo, oggi si riconferma (dal 73' IVARSSON S.V.).

MIKAELSSON 5: Arginato ampiamente dalla difesa avversaria, non lancia segnali di fame o voglia di rivalsa, ma solo di affanno (dal 61' ALVES 5,5, si sgancia sulla sinistra per trovare una mezza corsia che gli consenta di incidere, le buone intenzioni non portano esiti positivi).

BAH 7: Brillante fisicamente al ritorno dall'infortunio, segna e crea a più non posso. Ma il segnale positivo è più per Vanoli che per Soncin (dal 73' OKORO 5,5 sballottato a destra e sinistra dalle palle che gli arrivano, non quaglia).

 

 

[FOCUS] - Niccolò Pisilli, una storia a tinte giallorosse
[FOCUS]- L.R. Vicenza, no Mancini, no problem: il futuro è di Filippo Alessio