Foto di Andrea Stella
Lecce

Lecce-Napoli, le pagelle dei salentini: Hasic decisivo, Gonzalez determinante

Le pagelle del Lecce

09.04.2022 17:06

Borbei 6: non subisce grossi pericoli e quando è chiamato in causa risponde sempre presente.

Lemmens 6,5: buona prestazione sia in fase difensiva e sia in fase offensiva dove accompagna diverse azioni interessanti.

Pascalau 6,5: insieme al suo compagno di reparto, Hasic, non fa toccare palla ai due centravanti del Napoli ingabbiandoli e compiendo varie chiusure da applausi.

Hasic 7,5: prestazione analoga a quella di Pascalau. A differenza del compagno, la partita è decisa dalla sua rete di testa.

Nizet 6: non brilla come al solito, si accende a sprazzi. In fase difensiva contiene bene le avanzate del Napoli, in fase offensiva è, spesso, timido. (46' Torok 6: subentra continuando ciò che aveva finora svolto il compagno senza sbavature).

Mommo 6: inizia male, cresce con il passare dei minuti. Nel secondo tempo si accende a sprazzi come Nizet. (66' Salomaa 6: entrando aiuta molto la squadra tenendo qualche pallone lontano dalla porta difesa da Borbei).

Vulturar 6,5: tanta corsa e tanto impegno lo portano a giocare una buona gara vincendo la maggiorparte di duelli a centrocampo e dando il via ad azioni offensive.

Simone Pafundi, la nuova stella del calcio italiano

Gonzalez 8: il migliore in campo! Pericolo numero 1 per la difesa partenopea, quando ha palla lui è infermabile. Va vicino al gol, ma soprattutto causa l'espulsione di Barba e fa andare vicini al gol in diverse circostanze i suoi compagni.

Daka 6: nel primo tempo è uno dei migliori e uno dei più vivi. Nella ripresa, dopo la conclusione iniziale, cala.

Carrozzo 6,5: non trova il suo secondo gol stagionale ma gioca una partita di sacrificio. Compie buone sponde e va spesso al tiro. (79' Burnete SV)

Berisha 6,5: in fase offensiva è spesso assente, ma in fase difensiva aiuta molto la squadra. Buona gara nel complesso.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 34^ giornata: vince Ambrosino, Di Stefano e Nasti sul podio
Matthew Garbett, l'x factor del Torino Primavera