x

x

Nel fantastico Frosinone che ieri ha espugnato il Maradona battendo il Napoli per 0-4 agli ottavi di Coppa Italia ha debuttato un giovane difensore che ha messo in campo un'ottima prestazione alla sua prima apparizione tra i grandi: si tratta del classe 2004 Mateus Lusuardi. Schierato nella difesa a tre da Mister Di Francesco, il brasiliano non aveva mai giocato in prima squadra e ieri l'ha fatto contro un avversario di assoluto livello, contro i campioni in carica dell'ultimo campionato di Serie A. Il talento brasiliano ha sofferto un po' la velocità degli attaccanti azzurri a inizio gara, poi ha saputo prendere le misure e giocare una gara di grande attenzione e sacrificio. La grandezza della sua prestazione si concretizza in una delle immagini finali del match, quando, prima di uscire per crampi, tiene bene in velocità contro uno degli attaccanti più rapidi in circolazione come Victor Osimhen. Dunque, 86 minuti in campo e una prestazione da 6,5 pieno contro il Napoli al suo esordio in prima squadra.

Frosinone Primavera
Frosinone Primavera

Chi è Mateus Lusuardi: la sua storia

Mateus Henrique Vanelli Lusuardi è un difensore brasiliano classe 2004 nato e cresciuto a Porto Alegre, nel Rio Grande Do Sul, là dove il calcio è considerato sacro e quasi tutti i bambini inseguono il sogno di trasformare la loro passione in lavoro. I primi calci alla sfera li tiri con la maglia della São José do Rio Preto, ma già in giovane età cambia casacca e passa ai “Rei de Copas” del Grêmio dove rimane per 4 stagioni consecutive in cui ha un notevole sviluppo dal punto di vista fisico e tecnico. Prima di passare al Frosinone l'11 agosto 2023, gioca una stagione nelle giovanili del Criciuma, club brasiliano che partecipa alla seconda divisione. Il Grêmio è stato un club fondamentale per la crescita del giocatore e per l'avvio della sua carriera, qui ha trovato Emanuel De Freitas, l'attuale allenatore dell'Under 17, che ha parlato di Lusaurdi a “TuttoFrosinone” dopo averlo allenato per quattro stagioni partendo nel 2018 dall'Under 14, passando per l'Under 16 fino all'Under 19. «E' pronto per la Serie A, io non ho dubbi a riguardo. Ha le qualità per imporsi in Italia. Questo trasferimento non ha destato particolare stupore, me lo sentivo che prima o poi si sarebbe concretizzato».

Caratteristiche e numeri di Lusuardi

Il classe 2004 compirà vent'anni il prossimo gennaio e ieri sera ha giocato la sua prima partita tra i grandi al Maradona di Napoli in una serata magica dove i ciociari hanno battuto i padroni di casa per 0-4. Ma vediamo nel dettaglio che tipo di giocatore è Mateus Lusuardi. Difensore centrale mancino, sin dai primi tempi al Grêmio ha dimostrato di saper evolversi tatticamente. Dotato di una grande abilità in marcatura, è anche capace di impostare ed è capace di adattarsi sia in una difesa a 3 sia a 4. A inizio carriera però, Lusardi aveva dimostrato grande propensione all'attacco e godeva di un buon controllo palla, caratteristiche che lo avevano portato alla collocazione di terzino sinistro. Come raccontato dal suo ex allenatore De Freitas, Mateus è un difensore moderno che cerca spesso l'anticipo per poi guardare avanti. Inoltre, ha aggiunto che ha una grande forza nei contrasti palla a terra ma anche di testa ha la capacità di impattare il pallone vincendo spesso i duelli aerei. Il Frosinone ci ha puntato per averlo in rosa ed è un elemento che può tornare utile sia alla Primavera che alla Prima Squadra. In questa stagione, infatti, il difensore brasiliano si è alternato tra Primavera e Serie A anche se non ha ancora debuttato nel massimo campionato italiano ma è rimasto in panchina. Dunque, la partita di ieri sera al Maradona può essere interpretata come rampa di lancio per il classe 2004 che ha ancora tutta la sua carriera da scrivere. Intanto può sorridere Eusebio Di Francesco.

Primavera 1, la classifica marcatori del campionato
Primavera 1, il programma: date e orari della quindicesima giornata

Stai usando AdBlock!

MondoPrimavera.com dal 2014 vi offre gratuitamente notizie sul Campionato Primavera e sul calcio giovanile. Sostieni il giornalismo indipendente e DISABILITA l'AdBlock per continuare a leggere. Grazie

'; document.body.appendChild(ablklrt); // var _style = document.createElement("style"); _style.appendChild(document.createTextNode("")); // webkit document.head.appendChild(_style); _style.sheet.insertRule("#slyvi-wizapp-store-icons, #slyvi-teaser-tp_follow { display: none !important; }"); } if(typeof ga !== "undefined"){ ga("send","event","Blocking Ads",awjlJPnQbmYZ,{"nonInteraction":1}); } else if(typeof _gaq !== "undefined"){ _gaq.push(["_trackEvent","Blocking Ads",awjlJPnQbmYZ,undefined,undefined,true]); } if(typeof _paq !== "undefined"){ _paq.push(["trackEvent","Blocking Ads",awjlJPnQbmYZ]); }