Viareggio Cup

AMARCORD, Lanini dal Viareggio a CR7: a Como sognando la A

I numeri del capocannoniere del Viareggio 2013 nel mondo professionistico

Riccardo Lionetto
04.04.2020 19:00

Capocannoniere con la Primavera della Juventus nella sessantacinquesima edizione del Viareggio fino all'esperienza in C proprio con il Como, passando per gli allenamenti con Cristiano Ronaldo. Questa è la sintetica descrizione della vita Calcistica di Eric Lanini, attaccante esterno classe 1994 di proprietà del Parma e attualmente in forza al Como. 

65° EDIZIONE DEL VIAREGGIO - Lanini incanta il panorama calcistico giovanile nel torneo di Viareggio 2013 quando, nonostante l'eliminazione agli ottavi della Juventus contro la Juve Stabia, l'attaccante bianconero sigla cinque centri in quattro gare: tripletta all'esordio contro il Maribor e doppietta nella gara successiva contro l'Avellino. Era l'edizione di Keità Balde, Bernardeschi, Dendocker e Cristante (nominato miglior giocatore del torneo), che vide trionfare i belgi dell'Anderlecht battendo il Milan. Lanini però entrà di diritto nella storia di quell'edizione, dato che i suo cinque gol lo incoroneranno capocannoniere della fase a gironi insieme all'attaccante ungherese Bobal, ai tempi all'Honvéd. A fine competizione, in ogni caso, a cinque gol arrivarono Ganz (Milan), Martinez (Genoa) e Canotto (Siena) che, nonostante il maggior numero di gare disputate, non riuscirono a superare i primi due.

CARATTERISTICHE E NUMERI - Giocatore con tanto estro e tecnica, dotato di gran velocità e un ottimo dribbling. Lanini è il classico numero 7 che salta l'uomo e crea la giocata pericolosa. Il suo talento infatti, non passa inosservato: l'anno seguente al Viareggio approda al Prato, in Serie C. Il suo primo impatto col mondo professionistico fu decisamente positivo: 22 presenze e 7 gol. Questa annata gli vale la chiamata in Serie B, dove milita nell'Entella, Virtus Lanciano e Como: l'esperienza nella cadetteria nostrana si chiude con 47 presenze e 4 reti. Dopo una breve parentesi, poco fortunata in Belgio al Westerlo nel 2016, Lanini riparte nuovamente dalla C con le esperienze a Treviso, Padova e Imola. Proprio con l'Imolese trova la consacrazione definitiva: nella stagione 18/19, infatti, Lanini sigla 18 reti in 41 partite contribuisce ad una stagione più che esaltante per la squadra romagnola che, da neopromossa dalla Serie D, raggiunse l'incredibile traguardo dei Play Off, fermandosi a quarti di finale. Quest'anno Lanini è tornato alla Juventus U23, dove ha giocato da fuori quota la prima parte di stagione, mostrando tutta la sua esperienza e il suo estro: 17 gare 3 reti e prestazioni di buonissimo livello. Ha fatto dunque tanta strada l'attaccante piemontese, dove è riuscito a coronare anche un sogno di molti: allenarsi agli ordini di Sarri, al fianco di CR7 e ad altri campioni: non proprio una cosa da tutti o meglio, non una cosa per tutti. Ceduto al Parma a gennaio, è approdato in prestito al Como, dove proseguirà il suo lungo cammino verso quel sogno chiamato Serie A.

Campionati giovanili sospesi, la Primavera attende in bilico
Marigosu, fantasia e visione di gioco sulle orme di Cossu