FOTO ELENA ACCARDI
Cagliari

Cagliari-Verona, le pagelle dei sardi: Desogus e Tramoni imprendibili, Manca decisivo

Le pagelle dei rossoblu

17.12.2021 16:38

D’Aniello 6: cala la prima parata già al quarto minuto, con un riflesso su Yeboah. Per il resto del match rimane sostanzialmente inoperoso; viene impensierito solo nel finale, ma senza il bisogno di troppi interventi.

Palomba 6,5: con la concentrazione e le letture cancella quasi del tutto lo svantaggio a livello atletico contro Yeboah. Primo tempo di livello assoluto, con tanta concretezza e solidità; secondo tempo con la stessa qualità e intelligenza.

Iovu 6,5: prestazione molto attenta e con pochissime incertezze; può sopperire alla poca velocità con le sue doti fisiche e la sua intelligenza. Dall'87' Corsini S.V.

Kourfalidis 7: interpreta il ruolo da capitano con la sua classica e spiazzante freddezza; si prende molte responsabilità, sia nella proposta di gioco che in fase di rottura. Gli inserimenti sulla destra offrono una buona alternativa alla qualità dei fantasisti e sono una consueta spina nel fianco degli avversari, che non riescono a leggere le sue progressioni. 

Desogus 8,5: dal venticinquesimo in poi si mette in testa di volerla decidere da solo, ingaggiando un duello di nervi e talento puro contro il portiere veronese Kivila. La triangolazione con Tramoni, che lo manda in porta al ridosso della mezz'ora, è semplicemente splendida. Cerca costantemente l'imprevedibilità, la giocata esplosiva, e spesso la trova mandando in porta i compagni o con degli assoli personali. Combina di nuovo con Tramoni e mette in scena una triangolazione imprendibile per gli avversari, il gol è la ciliegina sulla torta.

Carboni 6,5: nella prima frazione contribuisce a creare una cerniera di centrocampo molto efficace e propositiva. Molto presente anche nella ripresa, ma accusa un po' di stanchezza dovuta alla sua immensa generosità. Dal 76' Schirru 6: entra per resistere alle folate finali del Verona e svolge bene il suo compito.

Astrand 6: non si espone ad errori eclatanti, ma non si scatena esageratamente a livello offensivo o di impostazione.

Cavuoti 6,5: grandi doti di inserimento e interdizione, che si mescolano in una prestazione quadrata e competente. Stremato, non abbandona mai la lotta, si spende ed esce dal campo solo quando veramente non ne ha più. Dall'86' Secci S.V.

Tramoni 7,5: molto cercato dai compagni, si accende quasi subito ed è un flusso continuo di qualità sulla destra. La trama costruita con Desogus, che manda il 10 a tu per tu col portiere, è l'essenza del talento cristallino dei due giocatori. Ripete la stessa giocata nel secondo tempo e trova un assist col tacco da fenomeno, che Desogus stavolta tramuta in gol. Dal 71' Masala 6: entra in campo con grande mentalità, servendo subito un cioccolatino che stavolta Desogus non scarta.

Sulis 6: pazzesca la dedizione con cui lavora per contenere gli avversari nella sua parte di campo. Nell'ultimo quarto d'ora va leggermente in apprensione, ma è naturale data la quantità di chilometri percorsi.

Yanken 5,5: è il meno ispirato del reparto offensivo; fa fatica a trovare palloni utili e molto spesso si infrange sulla difesa. Dal 71' Manca 7: entra in campo e la decide con una rovesciata meravigliosa; giù il cappello per una delle giocate più sensazionali e importanti del campionato.

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 13^ giornata: Marconi-Ianesi lotta in vetta nel Girone A
Milan, primo contratto da pro per Gala: i dettagli