x

x

Il ventesimo turno di Primavera 1 incrocia due tra le realtà più interessanti campionato: Sassuolo-Torino è un big match degno di chiudere la giornata e lo capiamo sin dalle prime battute. Lo sceneggiatore di questa partita ci regala un inizio di partita da cardiopalma: i primi trentadue minuti sono la cosa più vicina all'intrattenimento puro che esista, tra gol, giocate di talento, qualche errore di mancanza di concentrazione. In un amen siamo sul 3-3, con il meteo della partita arricchito da continui rovesci temporaleschi di qualità e gol. Nel finale di tempo sono i portieri a prendersi la scena, abbassando la saracinesca e rifiutando l'idea di raccogliere altri palloni dal fondo della rete. La ripresa non tradisce le aspettative ma diventa un monologo neroverde: Caragea, Kumi e Leone mettono a nudo una difesa tremendamente ballerina e firmano un risultato tennistico con cui il Sassuolo si riavvicina sensibilmente alla vetta. 

Diamo un'occhiata alle pagelle:

 

Difensori: Parlato in versione goleador, Loeffen in crescita

Theiner 6: ne prende 3 in 32 minuti, ma rimane aggrappato con le unghie alla partita e cala un riflesso mostruoso su Savva. 

Parlato 6,5: la saga dei difensori goleador di questa 20ma giornata si arricchisce di un altro capitolo. Si ritrova insolitamente in area, ma ha la freddezza per calciare un diagonale a fil di palo. 

Loeffen 6,5: sale vistosamente di tono nella ripresa, dimostrando di aver resettato dopo 45 minuti rivedibili. Dal 91' Cinquegrano S.V.

Corradini 6,5: va vicino al gol con un destro dal limite che si stampa sul palo. Secondo tempo di buona tenuta mentale, ne risente in positivo il reparto che guadagna solidità.

Falasca 6,5: da una delle sue classiche cavalcate nascono i presupposti per il 2-1. Se non staccasse la spina troppo spesso a livello difensivo, staremmo già parlando di materiale per il futuro della prima squadra. I presupposti ci sono tutti.

Bruno Sassuolo
Bruno - Sassuolo Primavera

Centrocampisti: Kumi detonante, Leone è la ciliegina sulla torta

Kumi 8: straripante, debordante, devastante. La sua partita è un climax, parte in sordina per poi dominare la partita con assist, gol e giocate risolutive: in una sola parola, immarcabile. 

Lopes 6: primo tempo in sordina, esce dagli spogliatoi con nuove convinzioni e porta a casa una prestazione ordinata. Dal 91' Pigati S.V. 

Leone 7: come il sottofondo musicale in un film, accompagna benissimo gli affondi dei compagni equilibrando il tutto con tanta sostanza.

Attaccanti: Neophytou unico neo, Bruno semina il panico

Bruno 7,5: siamo su livelli stratosferici. E' vistosamente fuori categoria, dominante a livello tecnico e decisivo anche sottoporta. A questo ragazzo non manca nulla per brillare, e lui ne è perfettamente consapevole. Dal 91' Di Bitonto S.V. 

Caragea 7: Sempre attivo, si sposta lungo tutto il fronte offensivo portando a spasso la difesa. Condisce il tutto con del sano cinismo, per riportare avanti i suoi ed aprire la goleada finale. Dal 78' Vedovati 6,5: è forse il simbolo del Sassuolo, che non lascia nulla al caso. Se il diavolo è nei dettagli, il suo ingresso in campo è luciferino; assist perfetto nel finale, che spiana la strada al colpo del 6-3. 

Neophytou 5,5: riesce nell'impresa ardua di avere l'encefalogramma piatto in una partita così ricca di impulsi. Dal 78' Chiricallo S.V. 

Kumi, esordio in Serie A: il legame con Sassuolo e la sua storia
Dell'Aquila illude, difesa in tilt: le pagelle del Torino