Primavera 1

Inter-Fiorentina, le pagelle dei nerazzurri: non bastano Iliev e Sarr, troppa fatica in difesa

Le pagelle dei giocatori dell'Inter

10.04.2023 19:00

Botis 5 Nulla da fare sulla splendida rete di Berti, che toglie le ragnatele dal sette calciando da grande distanza. Diverso il discorso sui successivi due gol della viola, su cui il portiere greco doveva comportarsi meglio: Kayode lo trafigge sul suo palo, mentre il tiro a giro di Distefano del momentaneo 3-0 gli sfugge dalle mani. 

Nezirevic 5 Prima mezz'ora di gioco che vede l'Inter in totale balia degli avversari: e di fronte a un Distefano in grande giornata, supportato dal solito Favasuli, la retroguardia nerazzurra non riesce a reggere il colpo. Troppi spazi concessi e troppi errori per il terzino svedese, che perde più volte il duello con l'11 avversario. (Dal 55' Dervishi 5,5 Ottima prova nei primi 20 minuti: garantisce freschezza sul centrosinistra, che risulta fondamentale in ambo le fasi. Cala sensibilmente nel finale di gara, dove non fornisce il giusto apporto alla manovra offensiva dell'Inter.)

Kassama 5 Anche lui soffre tantissimo le imbucate della Fiorentina: Toci gestisce il pallone con grande sicurezza, mentre Distefano si libera con grande fantasia quando taglia per vie centrali. Cerca di bloccare il duo offensivo avversario, ma senza ottenere i risultati sperati.

Matjaz 5,5  Primo tempo da dimenticare per il centrale sloveno, che come tutti i compagni non riesce a contenere gli avversari. Riesce però a riscattarsi, almeno in parte, nel corso della ripresa: diversi recuperi importanti e parecchie sortite offensive, per creare superiorità numerica nella trequarti avversaria. (Dal 73' Di Maggio 6 Entra bene in partita, dando maggiore equilibrio ad un centrocampo nerazzurro colmo di giocatori offensivi. Fa da collante fra le due fasi e aiuta spesso Stankovic in fase di costruzione.)

Pozzi 5 Kayode è infermabile, e lui lo scopre a sue spese: quando il 33 viola cambia il passo non riesce a contenerlo, permettendogli prima di infilare il 2-0, e poi di servire comodamente Distefano per il poker che chiude la gara. (Dal 46' Pelamatti 6 Riesce a limitare meglio l'esterno viola, che nella ripresa non ha più grandi occasioni per provare a far male. Nel finale di gara si mostra spesso in avanti, per provare a pescare i compagni con un cross vincente.)

Stankovic 6 Nel corso della prima frazione è costretto a fare tantissimo lavoro sporco per cercare di recuperare il pallone, e questo gli impedisce di mettere in mostra le sue qualità. Quando però l'Inter sale in cattedra e prova a macinare gioco, è lui il fulcro della manovra: prima in mediana e poi al centro della difesa, risulta fondamentale per le giocate offensive nerazzurre.

Grygar 5 Si fa saltare con grande facilità, ed è praticamente nullo il suo impatto sulla gara nei primi 30 minuti di gioco. Meglio nel finale di primo tempo, dove aiuta Stankovic e Akinsamiro a creare occasioni per provare a riaprire la gara. (Dal 46' Sarr 7 Bastano 3 minuti all'italo-senegalese per galvanizzare i suoi: raccoglie il lancio di Nezerevic e si invola verso la porta facendo tutto da solo, battendo poi Martinelli per il definitivo 2-4.

Owusu 6 Nel finale di primo tempo riesce a mettersi in mostra, creando la prima occasione da rete per i nerazzurri: cross con il contagiri per un Esposito che sguscia alle spalle della difesa, che però sbatte su un miracoloso Martinelli. Bene anche nella ripresa, dove con la sua velocità mette in difficoltà la difesa nerazzurra. (Dal 78' Curatolo sv)

Akinsamiro 6,5 Combina con Esposito e poi appoggia per Iliev, che tutto solo infila il gol del momentaneo 1-4. Lotta e sgomita sulla trequarti, cercando continuamente di liberarsi per servire i compagni o per cercare la conclusione.

Iliev 7 Largo a sinistra fatica, ma quando sposta il suo raggio d'azione in zona centrale cambia decisamente passo: sua la rete dell'1-4 nel finale di primo tempo, e sue diverse occasioni pericolose nel corso della ripresa.

Esposito 6 Quando l'Inter riesce ad affacciarsi nella metà campo avversaria fa sentire il suo apporto offensivo: sfiora il gol con una splendida imbucata su cui Martinelli si deve superare, poi fa da riferimento per i compagni, abbassandosi per provare a liberare spazi interessanti in cui colpire.

Roma, Pisilli e una storia d'amore a tinte giallorosse
Inter-Fiorentina, le pagelle dei viola: Distefano mattatore, illuminano Berti e Toci