FOTO LEONARDO BARTOLINI
Primavera 1

Primavera 1, sei squadre in corsa per scappare dai play-out

La situazione della zona bassa della classifica di Primavera 1

28.04.2022 11:38

Chi ha già salutato

Il Primavera 1 propone diversi temi interessanti a tre giornate dalla fine della regular season, con tutte le squadre impegnate a raggiungere i rispettivi obiettivi. Oltre ad una Roma avviata verso la conquista del primo posto, ci sono due squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato, trattasi di Pescara e SPAL. Entrambe biancoazzurre, entrambe condannate alla retrocessione diretta in Primavera 2. La formazione di Iervese è certa dell'ultimo posto, fuori dai giochi da due settimane e la sconfitta per 5-1 contro un motivato Lecce sembra essere il segnale di resa definitivo. Gli estensi, invece, dopo aver sfiorato i play-off nella scorsa stagione con Giuseppe Scurto in panchina, con Piccareta prima e Mandelli poi sono sprofondati nei bassifondi della classifica e hanno centrato la retrocessione matematica nell'ultima sconfitta contro l'Atalanta.

Ambrosino il nuovo “scugnizzo” del Napoli

Due bivi nel prossimo turno

Classifica alla mano: Genoa 36 punti, Lecce 37, Napoli 39, Milan 39, Hellas Verona 39 ed Empoli 39 (con una gara da recuperare). Sorprende, innanzitutto, non leggere il nome del Bologna tra le squadre coinvolte nella corsa per evitare i play-out, con due di queste che se la giocheranno negli spareggi della post-season e quattro che si salveranno. I felsinei sostano a 42 punti dopo una sgasata importante nell'ultimo mese, con Vigiani che ha quadrato la squadra sacrificando in parte la libertà e la fantasia di alcuni interpreti ma, per ora, i risultati lo hanno premiato. Dando uno sguardo al calendario saranno cruciali le sfide della prossima giornata: il Genoa va a Napoli, mentre l'Empoli ospita il nuovo Milan di Terni dopo l'esonero di Federico Giunti. La gara di Cercola potrebbe dare un verdetto definitivo in un senso o nell'altro, con il Napoli che, in caso di vittoria potrebbe togliersi quasi definitivamente dai giochi salvezza e condannare i rossoblù di Chiappino, reduci da una vittoria nelle ultime 13 gare. Sentimenti opposti in casa partenopea, grazie alle super-vittorie recenti contro Fiorentina e Roma che hanno dato punti e morale alla banda di Frustalupi. Deve fare attenzione anche l'Empoli, che dopo il 3-0 contro il Sassuolo ha palesato le vecchie difficoltà della parte centrale dell'anno, ma i toscani possono ottenere altri punti nel match da recuperare mercoledì prossimo a Vinovo contro la Juventus. E' in piena crisi il Milan, tanto che la dirigenza rossonera ha sollevato dall'incarico Giunti promuovendo per il finale di stagione il tecnico dell'U18 del Diavolo Christian Terni. Il futuro parla di un possibile annuncio di Ignazio Abate come tecnico della Primavera della prossima stagione, ma il presente è scottante. I fantasmi del Primavera 2a sono tornati ad aleggiare al “Vismara” dopo le pesanti sconfitte contro Sampdoria, Pescara e Bologna, sarà fondamentale, dunque, per Capone e compagni strappare un risultato importante per mantenere il margine di sicurezza sulla zona calda.

Le neo-promosse ancora a galla

Se a Nicola Corrent avessero detto ad inizio stagione che la sua squadra dopo 31 giornate avrebbe avuto gli stessi punti dei campioni d'Italia dell'Empoli probabilmente non ci avrebbe creduto, eppure l'Hellas Verona continua a mettere mattoncino su mattoncino per mantenere la categoria. I quattro risultati utili di fila ottenuti dagli scaligeri certificano il campionato di grande fattura dell'Hellas, ma ogni passo falso si potrebbe rivelare fatale. I gialloblù faranno visita all'Atalanta nel prossimo turno, un match che appare quasi proibitivo per Bragantini e compagni, ma i pareggi interni pirotecnici contro Sampdoria e Cagliari e la vittoria recente di Vinovo contro la Juve ci dicono come l'Hellas non tema il confronto con le big. Non molla nemmeno il Lecce, che però non ha più il proprio destino in mano: la cinquina rifilata al Pescara ha rianimato i salentini, che contro Sampdoria e Roma, però, dovranno buttare il cuore oltre l'ostacolo. Serviranno vittorie e passi falsi delle concorrenti per ottenere un'incredibile salvezza senza passare dalla porta principale, ma questo Primavera 1 ci ha abituato a saliscendi continui, con la formazione di Grieco che non è stata da meno.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 34^ giornata: vince Ambrosino, Di Stefano e Nasti sul podio
[FINALE]- Primavera 1, Juventus-Torino 4-1: i bianconeri la vincono coi cambi, poker che stende i granata nel derby