x

x

Milan - MARTIN COCCIOLO
Milan - MARTIN COCCIOLO

Il Primavera 1 fa tappa al “Puma House of Football”, dove Milan e Sassuolo danno vita ad una battaglia di ideali e di calcio per stabilire le gerarchie nella rincorsa all'Inter capolista. Il primo tempo è un uragano che colora il cielo di rossonero: due i graffi di Camarda, uno di rigore l'altro di sregolatezza, una la stoccata di Sia dopo una splendida cavalcata di uno Stalmach incontenibile. Nella ripresa, il Sassuolo presta deliberatamente il fianco alle ripartenze, provando a piantare le tende nella metà campo avversaria. Il primo acuto è di Vedovati, che semina il panico in area e piazza un mancino che fischia vicino al palo lungo. La reazione però trova consistenza negli ultimi, folli, dieci minuti: Russo, Vedovati e Knezovic firmano una rimonta impensabile, che fissa il risultato sul 3-3. Le due squadre si dividono la posta dopo una partita a due facce, ma a trarne vantaggio è il Torino.

Diamo un'occhiata alle pagelle.

Milan
Milan Primavera

Finale da dimenticare per la difesa

Nava 5,5: qualche difetto di troppo nella fase di costruzione. Poi quell'epilogo, dove qualche minima responsabilità è anche la sua, soprattutto sulla presa difettosa dopo il colpo di testa di Russo.

Bakoune 6,5: qualche minuto di adattamento, poi la fascia diventa il suo terreno di caccia. Leone diventa un docile gattino quando il 2 registra la fase difensiva. Dall'81' Cappelletti S.V.

Nsiala 6: ottimo lavoro di coordinamento del reparto, con sicurezza e letture. Russo o Caragea, non sembra fare differenza per uno dei giocatori più in forma della banda di Abate. Cosa sia successo in quei dieci minuti però, nessuno lo sa; l'unica cosa certa è che rimane una macchia pesante.

Parmiggiani 6: sta per completare un bel disegno, ma sbava le ultime linee e vanifica quanto costruito.

Bartesaghi 6,5: quando apre la falcata incendia la fascia. Piazza un assist al tramonto del primo tempo, ma piazza anche tante sgasate di pregevole fattura. Dall'81' Perera S.V.

 

Stalmach e Malaspina dettano tempi e spazi

Stalmach 7,5:  Filtro perfetto tra mediana e difesa, giocate di tocco e visione negli ultimi metri di campo. Partitone.

Malaspina 7: tonnellate di cattiveria agonistica. E' il capitano perfetto di una squadra che vive di spunti e non può prescindere dalla sua quantità. Dal 68' Bonomi 5,5: troppo fragile negli ultimi, incredibili, 10 minuti. Partecipa attivamente al blackout totale che rimette in discussione una partita che sembrava senza storia.

 

Camarda e Sia ingiocabili

Scotti 7: un flusso continuo di idee e pericolosità offensiva. Crea superiorità numerica coi suoi strappi e duetta perfettamente con Bakoune, aprendo spazi interessanti anche sulla corsia.

Sala 6,5: illeggibile coi suoi movimenti a galleggiare tra le linee, taglia in due la squadra avversaria con la sua frequenza di passo. 

Sia 7,5: parte ingranando la quinta, associandosi spesso con Scotti e mettendo in enorme difficoltà la linea difensiva neroverde. Il gol è la riprova del suo percorso di crescita esponenziale. Dal 73' Liberali S.V.

Camarda 8: di rigore… e follia. Da giocatore consumato il tocco di punta per racimolare un penalty dalla spazzatura della partita. Da fenomeno la frustata al tramonto del primo tempo. Signore e signori, siamo davanti ad un talento generazionale. Dal 73' Simmelhack S.V. 

Milan
Camarda - Milan Primavera
Kumi, esordio in Serie A: il legame con Sassuolo e la sua storia
Abati un muro, Longoni spietato: le pagelle del Torino