Inter

Genoa-Inter, le pagelle dei nerazzurri: Vezzoni continuo, Satriano assente ingiustificato

Le pagelle della squadra di Madonna

Pietro Nalesso
18.04.2021 12:51

STANKOVIC 7: rigore parato con un riflesso felino, fondamentale per guadagnare il punto finale. Altra dimostrazione importante del portiere nerazzurro.

ZANOTTI 6: uno stantuffo nelle iniziative offensive, fatica, però, ad aiutare Moretti nelle coperture sugli offensivi del Genoa.

SOTTINI 6: il più positivo dei suoi dietro, Kallon lo disturba poche volte nel primo tempo; nel secondo conferma una prestazione sicura nelle chiusure e nelle marcature preventive.

KINKOUE 5,5: viene portato al largo dagli attaccanti genoani, andando in difficolta in tante situazioni a campo aperto (dal 54' HOTI 6: nonostante l'ammonizione appare più sicuro del compagno di cui prende il posto)

MORETTI 5,5: Della Pietra e Kallon gli fanno girare la testa, fa molta fatica a pressare in avanti. Meglio nella seconda frazione, complessivamente, però, resta insufficiente la sua prova

SANGALLI S.V.: neanche 20 minuti in campo e subito fuori per un brutto scontro aereo, l'augurio è che non si tratti di nulla di grave [dal 19' SQUIZZATO 5,5: si addormenta in fase di impostazione quando Kallon gli scippa il pallone per poi procurarsi il rigore, sempre ingabbiato e schermato dagli offensivi del Genoa (dal 46' WIESER 6: subentra a Squizzato che esce a sua volta per infortunio, compie meno errori del compagno in un secondo tempo in cui il Genoa si rende meno pericoloso)]

VEZZONI 7: non ha paura nel prendersi le responsabilità di fare giocate pericolose quando serve. Tante giocate di qualità al servizio della squadra, il gol, è il premio di una prestazione di livello

CASADEI 5,5: non il solito Casadei, sia negli inserimenti che nell'impatto fisico, spesso invisibile nei momenti clou.

BONFANTI 6: gioca la porzione di match dove i suoi non propongono iniziative pericolose, ma lui si distingue fornendo una prova dignitosa. Tra le due punte non merita la sostituzione lui (dal 57' ORISTANIO 6: si incarica di tutti i calci piazzati, senza pennellare traiettorie che possano infastidire il Grifone; ce lo aspettiamo con continuità di minutaggio nelle prossime gare).

LINDKVIST 5,5: la voglia e il coraggio ci sono, la pericolosità meno. Giocatore di qualità indiscutibili, non sempre continuo nei 90' (dal 69' DIMARCO 6: scorribande coraggiose e palloni giocabili forniti con insistenza; complicato per Madonna decidere chi schierare tra lui e Vezzoni, possibile vederli insieme per alcuni tratti della gara).

SATRIANO 5: Madonna lo lascia fino alla fine offrendogli la chance di redimersi dopo un primo tempo insufficiente. Lui, però, non ricambia la fiducia del suo allenatore.

 

 

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 22^ giornata: Olzer e Prelec in doppia cifra, salgono anche Baldanzi e Raul Moro
Grosseto, mister Pieri: "Ripartiamo con la consapevolezza dei nostri mezzi"