FOTO MARTINA CUTRONA
Napoli

Pescara-Napoli, le pagelle degli azzurri: Ambrosino alla Insigne, Vergara positivo

Le pagelle del Napoli

16.03.2022 17:00

Boffelli 6: sul gol potrebbe fare qualcosa di più, respinge sui piedi di Madonna dopo il tiro di Chiarella. Nella ripresa si supera su un tiro di Chiarella e viene beffato dal pallonetto di Blanuta.

Barba 6: deve contenere Delle Monache sicuramente un cliente ostico. Partita positiva nel complesso. 

Costanzo 5.5: primo tempo un po' di difficoltà dalla sua parte con Chiarella. Meglio ad inizio ripresa, ma non basta per la sufficienza. 

Gioielli 6: corre tanto soprattutto nella ripresa, recupera diversi palloni e cerca la giocata in avanti. 

Cioffi 5.5: lotta con i difensori del Pescara ma non si fa vedere spesso. Nella ripresa si divora una ghiotta occasione da gol. Dal 74' Mercurio 6: entra nel finale, ha poco tempo per mettersi in mostra. Nonostante questo qualche buon pallone lo gioca.. 

Hysaj 6: non ha grossi interventi da fare, si limita al compito. 

Marchisano 6: un paio di buone discese dalla sua parte. 

Vergara 6.5: nel primo tempo un paio di buone giocate, ma è nella ripresa dove si esalta. Arretra un po' la sua posizione e da una mano in mezzo al campo provando qualche giocata interessante in avanti. Dal 87' Spavone S.V.

D'Agostino 5.5: una conclusione e poco altro, partita anonima per lui. 

De Marco 5.5: si vede poco se non con un cross in mezzo deviato dalla difesa. Dal 46' Ambrosino 8: gli bastano dieci minuti per trovare il gol del pareggio. Studia da Insigne e da dieci a dieci il tiro a giro è di casa. Pallone preciso e telecomandato che toglie le ragnatele dall'incrocio. Trova la doppietta nel finale con una girata di destra difficile. 

Saco 6: prova ad inserirsi e raccogliere i traversoni dei compagni, senza troppe fortune in realtà. Nella ripresa resta in copertura e la sua prova è sufficiente. 

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 34^ giornata: vince Ambrosino, Di Stefano e Nasti sul podio
Cagliari-Genoa, le pagelle dei sardi: Obert spacca la partita, Carboni è ovunque