x

x

Udinese - LUCA BOZZETTI
Udinese - LUCA BOZZETTI

Una stagione positiva quella dell'Udinese, che al termine della stagione ha trovato la promozione nel campionato Primavera 1, obiettivo dichiarato a inizio campionato. Un torneo lungo e intenso, alternato da gioie e dolori ma dove alla fine ha trionfato chi meritava di piu', anche a discapito di un Venezia che ha lottato fino all'ultimo ma che si è dovuto arrendere alla tenacia dei ragazzi di Bubnjic. Proprio quest'ultimo, allenatore croato alla prima esperienza italiana (dopo solo un anno nell'Under 19 dell' NK Istra in patria), è stato intervistato alla fine della partita valevole per la promozione. 

L'Intervista

Di seguito ciò che ha detto su campionato e partita:

"Un merito dei ragazzi, hanno messo per l’ennesima volta voglia e grinta, tutto ciò su cui abbiamo lavorato nel corso dell’anno per raggiungere questo obiettivo. Siamo tutti contenti, è un successo meritato. Adesso festeggiamo, da domani penseremo al nuovo campionato e alla nuova esperienza per noi. Ogni tanto ci serve un po’ della mia cattiveria, della mentalità che cerco di trasmettere non solo in partita ma anche in allenamento. Non ho detto niente in particolare, ho solo chiesto di non avere paura perché nel primo tempo ne ho vista un po’, non hanno avuto il coraggio di tenere palla, di giocare, fare passaggi e possesso. Ho chiesto a quelli che penso debbano portare gioco, come Pejicic, Palma, Russo, Asante, Nwachukwu, di prendere fiducia e responsabilità e portare questa partita avanti. Tutta la squadra ha fatto questo e sono contentissimo”.

UDINESE-VENEZIA, ECCO COM'E' ANDATA LA FINALE PLAYOFF

udinese

La dedica

“Dedico la vittoria a tutti quelli che sono stati dietro di noi, a presidente e società che mi hanno dato questa opportunità, che hanno avuto fiducia in me. Per me è una grande esperienza e penso che con questo obiettivo raggiunto sia tornato tutto quello che ho dato. Ho dimostrato che voglio lavorare, crescere e arrivare al top. Ringrazio anche la mia famiglia e i miei amici, ho ricevuto sostegno da tante persone, che credevano in me come io ho creduto in questa squadra. Grazie a loro alla fine e un po’ anche a Nostro Signore abbiamo raggiunto questo obiettivo”.

Camarda, è ufficiale: ecco il primo contratto con il Milan. I dettagli
Milan U23, rischio beffa: salta l'iscrizione in Serie C?