Monza

Venezia-Monza, le pagelle dei brianzoli: Rubbi mette il lucchetto alla porta, Ferraris catalizzatore

Le pagelle della squadra di Palladino

16.04.2022 17:26

RUBBI 7: Cala quattro parate decisive in apertura, scoraggiando, così, il Venezia.

DONATI SARTI 6: Solido in marcatura e nelle giocate con la palla, puntuale se serve (dal 65' PRINELLI 6, si adegua al buon ritmo del match cercando di fare sue diverse palle vaganti in mediana).

NOBILE 6,5: Agevolato dai compiti dei suoi braccetti, risponde con efficacia a qualche uno contro uno rischioso.

MINOTTI 5,5: Meno imperioso dei compagni, subisce un po' la spinta e i duelli nel suo lato.

MELSEAUX 5,5: Il Venezia spinge molto dalla sua parte nel primo tempo, presenta delle difficoltà ad inquadrare le giocate di Peixoto e compagni (dal 59' PEDRAZZINI 6,5, alto o basso non cambia, spinge e si immerge nelle difficoltà del match, ha anche la palla più ghiotta per il vantaggio dei suoi).

DRAGONE 6: La statura viene mascherata da una gara di tempismo e intelligenza tattica a servizio della squadra.

COLOMBO 6: Si impone con verve nel primo tempo, poi si adegua a dare ordine senza verticalizzare con frequenza.

DELL'ACQUA 6,5: Gioca largo sia a destra che a sinistra, ma non cambia l'interpretazione efficace dei compiti della sua gara.

MARRAS 6: Trova pochi varchi per pungere, svaria e fa quanto gli concede la difesa avversaria (dal 46' SALDUCCO 6, beneficia di qualche spazio in più confezionando qualche pallone invitante per i compagni).

LATORRE 5,5: Ingabbiato dalla pressione, esce con qualche botta di troppo senza occasioni sui piedi e tante palle servite ai compagni (dal 46' DOS REIS 6, spariglia le carte legando bene il gioco, trova un degno marcatore in Baudouin che lo limita a dovere).

FERRARIS 6,5: Alza notevolmente il livello medio di squadra quando tocca palla, ben contenuto dalla difesa avversaria (dall'86' ORLANDO S.V.).

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 34^ giornata: vince Ambrosino, Di Stefano e Nasti sul podio
Primavera 2, Pordenone-Como 1-1: vince l'equilibrio al 'Bottecchia'