Primavera 1

Sassuolo, Palmieri: "I giovani? Tutto merito di De Zerbi!"

Il responsabile del settore giovanile del Sassuolo esalta De Zerbi per il lavoro con i giovani

Karim Dafirbillah
16.07.2020 14:04

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE RIGUARDANTI IL CALCIOMERCATO GIOVANILE

Stefano Turati, Andrea Ghion e ultimo Giacomo Raspadori, solo per citarne alcuni. I tre giovani del Sassuolo, oltre che ad esordire, sono riusciti a mettersi in mostra con delle ottime prestazioni al loro esordio (il portiere Turati contro la Juventus, l'attaccante Raspadori contro la Lazio, segnando il suo primo goal, più uno annullato, alla sua prima da titolare). Questa è la dimostrazione che anche la squadra romagnola sta lavorando bene con i giovani; grazie anche al mister De Zerbi. Come ha sottolineato Francesco Palmieri, responsabile del settore giovanile neroverde, ai microfoni di ilnapolionline.com"Il mister, oltre ad avere un’ottima preparazione tattica e tecnica, ama lavorare con i giovani e i risultati si cominciano a vedere." Ovviamente non poteva non fare delle considerazione sul portiere e sull'attaccante che noi potremmo definirli gli 'Holly e Benji di Sassuolo': "Raspadori è caratterialmente molto riservatoma è davvero, in prospettiva, molto interessante." Il dirigente ha fatto notare anche che durante gli allenamenti del giorno dopo la partita contro i biancocelesti, Giacomo era sì contento ma al contempo concentrato sul lavoro. Riguardo l'estremo difensore: "Turati, a differenza di Raspadori, è più estroverso caratterialmente ma anche lui tecnicamente ha dimostrato di avere valori tecnici importanti." Infine, l'ex attaccante, si espresso sul prossimo futuro del Primavera: "Devo essere sincero, ancora non so darti una risposta in merito alle riforme e sulle retrocessioniMi auguro che quanto prima si prenda una decisione, non tanto sulle retrocessioni o il numero delle squadre, ma per la crescita del movimento. Sarebbe importante nel più breve tempo, per dare la possibilità ai ragazzi di poter rendere al meglio. Attendiamo sviluppi in merito“. Ieri sera nella difficile partita contro la Juventus e terminata con un sorprendente 3-3, i ragazzi non sono scesi in campo, ma anche questo è segno di buona gestione, dove da parte loro c'è apprendimento anche rimanendo seduti in panchina e da parte del mister non caricarli immediatamente di responsabilità.

Juventus, accordo trovato con Pirlo: sarà l'allenatore dell'Under 23
Inter, scocca il momento di Pirola: esordio tra i pro per il giovane difensore