Inter

Fabio Abiuso, il gol nel sangue per stupire in nerazzurro

Il classe 2003 pronto a prendersi la scena con la maglia dell'Inter

16.09.2021 12:00

E' iniziata una nuova stagione del Campionato Primavera e con esso tanti ragazzi che sognano di arrivare a calcare i grandi palcoscenici. Ogni anno raccontiamo le prodezze di tanti giovani che poi in futuro ritroveremo tra i professionisti. La storia di oggi è quella di Fabio Abiuso, giovane attaccante dell'Inter, che in queste prime due giornate di campionato si è fatto notare tra gli addetti ai lavori. 

Un predestinato il giovane Fabio, che a sedici anni ha avuto la possibilità di esordire in Serie C con il Modena prima di approdare alla corte dell'Inter. Con i nerazzurri gioca una parte di stagione con l'Under 18, sotto gli occhi di mister Chivu, e in estate il salto con la conferma nella rosa della Primavera nerazzurra. Che la stagione di Abiuso potesse essere importante lo si era capito dal precampionato, dove nelle prime uscite in amichevole aveva già fatto intravedere ottime doti oltre ad una spiccata vena realizzativa. Forte fisicamente, bravo nel fraseggiare con i compagni e con il gol nel sangue, Fabio sta trovando una continuità di prestazioni in questa prima parte di stagione e nelle prime due uscite con la Primavera dell'Inter ha trovato tre reti. Nel match contro l'Atalanta fa intravedere le sue doti da opportunista, sfruttando l'errore della difesa bergamasca e non lasciando scampo al portiere avversario. Nella partita contro la Fiorentina cambiano le modalità, ma non la sostanza per Abiuso, che trova due gol di testa grazie a tempismo, senso della posizione e precisione. 

Prime due uscite, primi gol e l'intenzione di Abiuso è quella di non fermarsi qua, lo spera Chivu e lo spera la società che potrebbe intravedere in lui un potenziale campione per il futuro. Certo la stagione è lunga e la carriera del giovane attaccante nerazzurro ancora deve iniziare, ma si sa chi ben comincia… è a metà dell'opera. 

 

Primavera 3, le classifiche dei tre gironi
Carrarese, altro giovane all'esordio tra i grandi