Calciomercato

Roma, Calafiori possibile contropartita per Belotti

Il forte terzino del 2002 potrebbe rientrare nella trattativa che porterebbe il 'Gallo' a Roma

Karim Dafirbillah
29.04.2021 19:55

L'attenzione verso i giovani, a differenza degli anni passati, è aumentata, soprattutto per i problemi finanziari dovuti agli stadi chiusi a causa del Covid. La Roma, è cosa ormai risaputa, ha uno dei vivai più floridi in Italia insieme ad Atalanta, Empoli e anche Inter, ma come in molte squadre italiane i giovani fanno ancora fatica ad emergere rispetto agli altri Paesi europei. Uno dei gioielli giallorossi è senza dubbio Riccardo Calafiori, da quest'anno in pianta stabile nella rosa di mister Fonseca e che nonostante l'iniziale positività al Covid e qualche problemino fisico è riuscito a collezionare otto presenze (tre in campionato e cinque in Europa League) ed un gol, tra l'altro bellissimo. La Società di Friedkin sa benissimo che è uno dei più forti e promettenti terzini italiani e per questo non vuole, assolutamente, privarsene ma c'è un però: la sua plusvalenza potrebbe aiutare ad arrivare a qualche big per rinforzare la rosa in vista della prossima stagione. Stando a quanto trapela, infatti, i giallorossi stanno monitorando fortemente il ‘Gallo’ Belotti, che andrà in scadenza a giugno del 2022, e proprio il terzino del 2002 potrebbe essere una contropartita tecnica, insieme, anche, a Kumbulla. Ovvio che sono solo voci ma con il campionato alle battute finali è anche vero che il calciomercato diventa più 'rumoroso' rispetto ad altri periodi dell'anno (tranne che a gennaio); come è anche vero che Riccardo fa gola a molte squadre e potrebbe anche dare maggiore sfogo delle sue qualità, senza troppe pressioni, lontano dalla Capitale per poi tornare da protagonista. Certamente monitoreremo questa situazione come molte altre che coinvolgeranno i giovani.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 22^ giornata: Olzer e Prelec in doppia cifra, salgono anche Baldanzi e Raul Moro
Reggina, Baroni promuoverà due Primavera in prima squadra