x

x

Bruno Conti
Bruno Conti

Bruno Conti è stato uno dei giocatori in grado di lasciare un segno indelebile nella storia del calcio italiano. Nativo di Nettuno, l'ex attaccante ha mosso i primi passi nel settore giovanile della Roma, esordendo in Serie A a soli 19 anni. Tolta un'esperienza in prestito al Genoa, Conti è stato la bandiera dei giallorossi tra la fine degli anni ‘70 e l’inizio degli anni ‘90. Nel 1982 si è inoltre laureato campione del Mondo con l’Italia del ct Bearzot. In un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, Conti ha parlato anche del calcio giovanile. 

INDICE

Bruno Conti Roma
Bruno Conti Roma

Conti, i giovani e il problema dei genitori

Bruno Conti non si è dimenticato delle proprie origini. Dal 2005 infatti è coordinatore del vivaio della Roma. In primis, l'ex calciatore si è soffermato sull'influenza che un genitore può avere nei confronti del proprio figlio calciatore: “Il problema è spiegare che cos'è il professionismo ai suoi genitori. Noi siamo cresciuti in strada, pensando solo a divertirci. Oggi se a 11 anni un bambino viene selezionato c’è un’esasperazione incredibile, si pensa solo al risultato, a litigare e a sovrastare gli altri, invece di far capire poche cose, ma con chiarezza”. Secondo Conti esistono altre priorità: “L’importanza della scuola, prima di tutto. Poi che il calcio e lo sport vanno vissuti come divertimento. Se uno è bravo, arriva. Io sono stato bocciato a diversi provini, ma non mi pesava e il giorno dopo ero a giocare con gli amici”. 

Conti, l'elogio di De Rossi e la scommessa Politano

Bruno Conti può vantare una grande esperienza all'interno del settore giovanile della Roma. Sono tanti i giovani che sono passati da Trigoria al momento del suo insediamento: “Non avrei scommesso su Politano: era considerato come me, troppo gracile. Nessuno ci credeva invece è arrivato dove è arrivato. Ma quello che mi ha dato più soddisfazione di tutti è proprio De Rossi: lo avevamo preso come attaccante, poi è stato spostato in mediana ed è diventato grande. Anche per questo vederlo oggi sulla panchina della Roma è speciale”. 

 

Primavera 2, Albinoleffe-Vicenza 3-4: rimonta del lanerossi nel finale
"11 e Lode" - Primavera 1, la Top 11 della 27a giornata