Inter

Europa League prima, Champions League dopo: esordio da sogno per Sebastiano Esposito

Esposito subentra a Lukaku e gioca la sua prima mezz'ora in Champions League

Cataldo Simone
23.10.2019 23:00

Sebastiano Esposito, un simbolo e la testimonianza evidente di quanto possa risultare importante il talento, per raggiungere le vette più blasonate nel mondo dello sport. Questa sera il ragazzo classe 2002 ha esordito nella massima competizione europea, alla giovane età di 17 anni. Il ragazzo di Castellamare di Stabia è avvezzo a questi salti di qualità, difatti prima di esordire quest’oggi in Champions League aveva già calcato il prato di San Siro per circa diciassette minuti all’età di sedici anni, durante l’ottavo di Europa League tra Inter ed Eintracht Francoforte grazie alla scelta, per disperazione, da parte del tecnico Spalletti di far scendere in campo sia lui che Merola (giovane attaccante classe 2001, al momento in forza all’Empoli). Di conseguenza, risulterebbe inutile citare quanto fatto da lui nelle giovanili del club meneghino, dal momento in cui basterebbe pigiare le lettere che compongono il suo cognome su una qualsiasi tastiera, per esser a conoscenza di quanto fatto dal campano. Al netto di ciò, vorremmo ricordare a tutti voi, il match disputato dal giocatore contro la Juventus durante l’International Champions Cup, torneo che ogni estate permette a 12 club di fronteggiarsi in territorio asiatico e non, per permettere ai giocatori di mettere benzina nelle gambe, oltre che per incassare una notevole cifra al termine dello stesso. Ma tornando a noi, vorremmo complimentarci con quanto fatto questa sera da Esposito, che dopo esser subentrato a Romelu Lukaku al minuto 63’, ovvero dopo soli venti minuti in campo, si è procurato un rigore al termine di una sgroppata sull’out di destra che ha costretto uno dei più bravi difensori al mondo, Mats Hummels, ad atterrarlo al centro dell’area piccola.

Al momento causa i tanti infortuni in casa Inter noi tutti siamo in attesa del suo esordio nella massima serie dello stivale, che non dovrebbe durare poi così tanto dal momento in cui il numero 30 a breve sarà aggregato al gruppo della prima squadra ed a gennaio dovrebbe rinnovare con le “serpi”, operazione che permetterebbe al club nerazzurro di non andare alla ricerca di un ennesimo attaccante presente sul mercato.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo l'8^ giornata: Juwara e Colley si prendono la vetta, Gagliano insegue
Under 17, i convocati del CT Zoratto per le partite contro Lussemburgo, Irlanda del Nord e Turchia