x

x

Ottimo debutto per l'Italia U17 nella fase Elite dell'Europeo di categoria. I ragazzi di mister Massimiliano Favo hanno superato l'Olanda, imponendosi per 0-2 grazie ai gol messi a segno da Ciardi - a segno su un rigore procurato da Camarda - e Liberali. Buonissima la prima, insomma, per gli azzurrini, che al Myyrmäki Stadium di Vantaa - vicino a Helsinki - hanno conquistato i primi tre punti nel girone di qualificazione. In caso di ulteriore vittoria anche nella gara di sabato, contro il Belgio, l'Italia U17 di Favo potrebbe ipotecare il primo posto nel girone e staccare così il pass per la fase finale dell'Europeo, in programma dal 20 maggio a Cipro.

Italia U17, le parole di Favo

Al termine della partita, che ha visto una bella e importantissima vittoria da parte dell'Italia, il commissario tecnico Massimiliano Favo ha analizzato la gara commentandola ai canali ufficiali della FIGC. Di seguito le sue parole. 

Italia U17 durante l'inno
L'Italia U17 di mister Massimiliano Favo

Abbiamo avuto tantissime occasioni e se devo trovare un difetto a questa squadra è che facciamo pochi gol rispetto a quello che produciamo. Per il resto, dal punto di vista dell’intensità e della qualità del gioco, non posso dire nulla ai ragazzi. Abbiamo recuperato alti il pallone, facendo sempre la partita e seguendo quelle che sono le linee guida del coordinatore delle nazionali giovanili Maurizio Viscidi. Questa squadra è cresciuta rispetto alla prima fase di qualificazione, quando abbiamo faticato contro avversarie che si chiudevano rintanandosi nella propria metà campo. Ora dobbiamo recuperare le energie fisiche e nervose in vista della gara di sabato. Abbiamo un solo obiettivo, andare a Cipro: se lo meritano i ragazzi e se lo merita il Club Italia.

Gli highlights di Olanda-Italia U17 0-2

Di seguito il video con gli highlights dell'importantissima vittoria conquistata oggi dagli azzurrini dell'Italia U17 di mister Favo. 

Camarda, è ufficiale: ecco il primo contratto con il Milan. I dettagli
Italia U20, Bollini: "Giocatori dalla Primavera alla A, ma gruppo unito"