Primavera 1

LIVE LAB - Impara il ruolo dell'Osservatore da Professionisti

Live Lab: il nuovo modo di osservare il calcio

Simone Brianti
01.03.2021 12:00

Mondoprimavera e Scoutit ancora insieme per promuoevere un'esperienza diretta e un'opportunità di poter imparare il mestiere dell'osservatore. Non è certo semplice guardare con l'occhio attento e vigile, immaginare il futuro dei ragazzi che si vanno a visionare e per questo servono anni di lavoro, passione, sacrifici e di partite sul campo. Se ti metti nella prospettiva dell’osservatore e visioni la gara ,  il risultato è l’ultima nota che ti serve. Devi percepire il più possibile le capacità individuali dei giocatori, come si muovono in campo, con quale proprietà tecnica generano i loro gesti, e tutto questo farlo su 22 giocatori contemporaneamente. Non è facile vero? E’ un lavoro quello dello scout che necessità  di estrema concentrazione e abilità mentale nell’analisi. Devi fissarti nella memoria gli aspetti che ritieni più significativi, e poi devi esserli in grado di trasmetterli. Un processo complesso che ha bisogno di lavoro, abitudine ed esperienza.  Diciamolo, non è semplice ma si può sempre migliorare facendo ed attingendo dalle competenze altrui.

LIVE LAB

(Clicca sull'immagine, acquista il tuo biglietto in sconto mettendo il codice: MONDOPRIMAVERA-10)

Per questo Scoutit organizza un laboratorio live con Christian Bruccoleri, capo scout del Como e Lorenzo Giunta, Match analyst del Potenza dove verrà visionata ai raggi X la gara di primavera 1 tra Fiorentina ed Atalanta.  Dovrai analizzare 22 giocatori e sarà un lavoro di gruppo! Un piccolo gruppo di corsisti, dentro al quale ci si potrà interfacciare coi relatori rendendo così questo appuntamento un occasione di crescita pratica che ti consentirà di imparare molto più di quello che pensi su come si osservino i calciatori in maniera professionale

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 22^ giornata: Olzer e Prelec in doppia cifra, salgono anche Baldanzi e Raul Moro
Serie C, prima gioia per Adopo, Panati ed Aurelio