Alessandria

Cittadella-Alessandria, le pagelle dei Grigi: prestazione deludente, bisogna ripartire dalle prove di Pellitteri e De Ponti

Le pagelle della squadra piemontese

04.03.2023 11:40

Cavalieri 6: È vero che il gol arriva dalla distanza ma la conclusione è angolata e potente. Non si vede costretto ad un gran numero di interventi. Rivedile nella tecnica delle prese alte.  

Coppai s.v. dal ‘4 Cociobanu 5.5: Entra a freddo dopo pochissimi minuti, ma questo non giustifica un'intera partita quanto semmai in un iniziale momento di confusione. Come quasi tutta la retroguardia dell’Alessandria appare svogliato: un lusso che non ti puoi concedere in una partita, come questa, fatta d’intensità.  

Cocino 5.5: Il pacchetto difensivo grigio è rivedibile per intensità e attitudine. Cocino, come i suoi compagni, finisce spesso col prendere decisioni sbagliate frutto di valutazioni superficiali della pericolosità dell’azione avversaria.  

De Ponti 6.5: Nel caos della partita dei piemontesi il mediano è una delle poche note positive. Recupera molti palloni e gli gestisce sempre con ordine. Dal ’79 Delledonne s.v.

Gueli 6: Il migliore fra i difensori ospiti. Dopo un inizio accidentato acquisisce sicurezza e tiene in piedi la baracca (per quanto possibile) fino al momento del vantaggio del Cittadella. 

Miglietta 5.5: Non si fa vedere molto nelle prime fasi del gioco, col passare del tempo la sua prestazione cresce d’intensità ma sono più le scelte sbagliate che quelle giuste. 

Stickler 5.5: Da un esterno è lecito aspettarsi più spunti: il numero 7 grigio non salta mai l’uomo. Dal ’60 Aichini 5.5: Questo cambio, come gli altri  proposti da coach Fiorin, non riesce ad incidere sul ritmo partita.  

Zani 6: Ha una buona occasione dal limite a pochi minuti dal fischio d’inizio, la sua conclusione viene però murata. Non commette particolari errori. Prestazione sufficiente. Dal ’60 Ghiardelli 5: Peggiorare il livello del centrocampo piemontese con scelte e tempi sbagliati.  

Hysa 5: Nell’analisi della partita viene da farsi una sola domanda sulla prestazione del numero 9: è sceso in campo? Inesistente. Dal ’45 Boido 5.5: Entra dopo l’intervallo e non fa rimpiangere particolarmente il compagno. A differenza di Hysa mostra una voglia maggiore. 

Pellitteri 6.5: Prova completa: abbina qualità e quantità. Il suo sforzo non viene gratificato però né dal risultato né da un accompagnamento della sua squadra.  

Trinceri 5: Quell’occasione a tu per tu col portiere del Cittadella se la sognerà stanotte. Errore gravissimo quello dell’attaccante dell’Alessandria. 

Roma, Pisilli e una storia d'amore a tinte giallorosse
Primavera 2B, Pescara-Perugia 2-1: torna al successo il Delfino, grifoncini battuti