Chievo Verona

ChievoVerona - Bologna, le pagelle dei clivensi: Rovaglia e Tuzzo gara da incorniciare. Botempi fuori gara

I voti del ChievoVerona

Matteo Zampini
08.02.2020 15:10

 

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Bragantini 7,5: non può sempre essere il salva prodigo ha fatto l'impossibile salvantodoanche un possibile autogol 

Pavlev 7: e l'uomo in più sulle fascie i suoi cross sono pericolosi per le difese avversarie 

Munaretti 6: gara attenta ma si fa beffare in occasione del gol partita di Pagliuca. Rischia l'autogol 

Vesentini 6: qualche imprecisione purtroppo nel finale di gara che è costata la sconfitta 

Colley 6,5: si fa beffare da Juwara in occasione del pareggio nella ripresa si fa perdonare con una prestazione di grinta  e sostanza 

Martires Farrim 6,5: la sua miglior prestazione va vicino al 4-3 colpendo il palo 

Tuzzo 7,5: prestazione da incorniciare un'assist a Rovaglia e un gol di grande lavatura per il pareggio del 3-3 Almeno per lui è stata una grande giornata. (dal 85' Manconi SV

Bontempi 5: nota negativa nel primo tempo con errori di precisione, rimane nei spogliatoi a inizio secondo tempo. Festeggia male la convocanzione in Nazionale  (dall'INT Perseau 6: tiene meglio il campo dando una spinta più decisa) 

Rovaglia 8: e l'uomo per il miracolo salvezza altra partita da TOP.  Corregge in rete dopo il palo di Tuzzo, di seguito si ripete con un pregevole colpo di testa sulla pennellata di Nabil. nel finale prova da tutte le posizioni. Si arrende solo al triplice fischio finale. 

Sperti 6,5: prestazione positiva fermato spesso alla conclusione si da l'anima ma oggi mancava di precisione, vedere la punizione ghiotta a fine primo tempo (Dal 68' Demirovic 6: il ragazzo scuola Inter ci mette volonta e grinta anche troppa prendendo un giallo e sfiora il gol vittoria) 

Makni 6,5: più lontano dalla porta gioca in fascia e dai suoi piedi arriva l'assist per il 2-0 di Rovaglia 

 

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 17^ giornata: Sane allunga, tutto invariato nel B
ChievoVerona - Bologna, le pagelle dei Felsinei: Juwara un mostro, Bonini nervoso