Inter

Inter, secondo pareggio in amichevole

'Lo Squalo' Bonfanti torna al goal dopo l'infortunio e pareggia i conti

Karim Dafirbillah
17.09.2020 10:46

ECCO LA GUIDA ALL'ASTA DI FANTACALCIO 'PIÙTRE'

Una sfida 'in famiglia', potremmo definirla, quella giocata ieri tra l'​​​​​Inter di Madonna e la Prima Squadra della Pro Sesto. In famiglia perché tra le due società c'è una forte sinergia caratterizzata da una stretta collaborazione, soprattutto per quanto riguarda lo 'svezzamento' di molti giovani nerazzurri, visto la Beneamata non ha un Under 23, come tutte, tranne la Juventus, che possa garantire loro un forte e continuo minutaggio tra i professionisti; inoltre il campo di 'casa' della squadra nerazzurra è proprio lo stesso dove gioca le partite casalinghe la squadra di Sesto San Giovanni: il 'Breda'. Una seconda sgambata per i nerazzurri in vista della Prima di campionato in programma sabato pomeriggio alle 13:00 contro la nuova Sampdoria di Tufano, salvo rinvio; ma anche per l'altra squadra milanese è stato un test importante per il prossimo inizio di campionato (il 27 contro l'Under 23 juventina). L'inizio coglie di sorpresa i meneghini che si ritrovano in svantaggio dopo soli nove minuti: ci vorrà il secondo tempo (caratterizzato da molti cambi per parte) che l'Inter non trovi il pareggio con Bonfanti, dopo soli tre minuti dall'inizio dei secondi quarantacinque minuti. Un secondo pareggio l'Under 19 nerazzurra, dopo il 2-2 di sabato contro il Como, che fa capire che bisogna limare qualcosa, e in fretta, se si vuole migliorare il terzo posto in classifica della scorsa stagione. Un pareggio che però lascia anche una nota lieta: il ritorno in campo dell'autore del goal, Nicholas Bonfanti. 'Lo Squalo' (il suo soprannome), classe 2002, figlio e nipote d'arte, è reduce da un brutto infortunio che lo ha tenuto fuori dai giochi per molto tempo e dove nella passata stagione ha potuto collezionare soltanto tredici presenze tra Under 18, Primavera, Coppa Italia Primavera e Youth League. L'Inter conosce bene le sue qualità, come molti, che lo prelevò tre anni fa dalla Virtus Bergamo (grande serbatoio dove attinge anche l'Atalanta) bruciando una folta concorrenza, e dove subito l'anno successivo, con mister Zanchetta mise a segno dodici reti e cinque assist, conquistando Scudetto e Supercoppa. Di certo, più che al risultato, si guarderà al suo ritorno in campo e al poter contare sulla sua fame di goal. Una fame da Squalo.

Primavera 1, la classifica aggiornata dopo il weekend
Novara, vicinissimo Gallo del Lecce