undefined
Primavera 1

Primavera 1, Cagliari-Juventus 3-0: tris rossoblu, brusco stop per i bianconeri

La cronaca e il tabellino di Cagliari-Juventus

13.03.2021 12:59

Vittoria importantissima per il Cagliari, che conquista i tre punti contro una big come la Juventus imponendosi con un netto 3-0. Dopo un paio di buone occasioni di marca bianconera, sono proprio i sardi a passare in vantaggio al 18': Michelotti crossa dalla corsia mancina e Riccio sbaglia l'intervento, infilando nella propria porta. La reazione della Juventus passa dai piedi di Soule, che al 37' colpisce la traversa. Nella ripresa ci si aspetta una Juventus arrembante, ma è ancora il Cagliari ad andare a segno: stavolta la firma è quella di Contini, che al 56' si accentra e batte Senko siglando il raddoppio. La reazione dei ragazzi di Bonatti è immediata, ma Cerri spreca una buona chance per accorciare le distanze. A colpire, così, è ancora il Cagliari, che al 62' trova il tris con Schirru, chiudendo così la partita. Poco dopo i rossoblu potrebbero addirittura realizzare il quarto gol, ma è la traversa a dire di no a Desogus. Finisce così ad Asseminello: Cagliari batte Juventus 3-0.

IL TABELLINO DI CAGLIARI-JUVENTUS

Marcatori: 18' aut. Riccio, 56' Contini, 62' Schirru 

Cagliari: Ciocci; Palomba (84′ Zallu), Boccia, Carboni, Michelotti; Conti (46′ Schirru), Kourfalidis; Desogus, Delpupo (56′ Kouda), Tramoni (56′ Cavouti); Contini (77′ Luvumbo). A disp.: D’Aniello, Fusco, Piga, Iovu, Cusumano, Sulis, Sangowski. All.: Agostini. 

Juventus: Senko; Mulazzi, Nzouango, Riccio, Verduci (46′ Turicchia); Miretti, Pisapia; Sekulov (53′ Da Graca) (74′ Hasa), Soule, Maressa; Cerri. A disp.: Garofani, Fiumano’, Barrenechea, Ntenda, Iling-Junior, Omic, Cotter, Bonetti, Sekularac. All.: Bonatti. 

Ammoniti: Kourfalidis (C), Riccio (J), Conti (C)

Arbitro: Maranesi sez. Ciampino

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 18^ giornata: Cancellieri tallona Vignato, Vitalucci-Chiarella in vetta nel B
[FINALE] Primavera 1, Lazio-Genoa 3-3: partita pirotecnica a Formello, vince l'equilibrio