Seri 7: Subisce gol da punizione sul suo palo ma l’impressione è che il merito sia tutto di Pastina. Poi salva il risultato con due grandi interventi: su Di Serio con il piede e su Mancino con la mano.

Milani 6: Dal suo lato non passano spesso, è solido in fase difensiva ma viene poco coinvolto quando deve giocare il pallone.

Farcas 7: Nel primo tempo gioca tanti palloni, soprattutto verso Babbi, nessuna sbavatura dietro e grande personalità, annulla di fatto Santarpia. Segna il gol che si rivela decisivo per la qualificazione con un bell’inserimento di testa.

Uzela 6,5: Domina a centrocampo grazie alla sua grande fisicità: gestisce una marea di palloni, preziosissimo in fase difensiva.

Cannistrà 6: Comanda la difesa con grande personalità, va in difficoltà sui palloni alti contro Di Serio, cliente molto scomodo, che nonostante la marcatura stretta ha vinto molti duelli aerei.

Rizzo Pinna 6: Tanta intensità a centrocampo, da un giocatore come lui oggi ci si aspettava quella qualità necessaria per una vittoria, ma anche il pareggio è sufficiente.

Cuellar 7: Fa letteralmente impazzire i difensori del Benevento con le sue giocate: rapidissimo nello stretto e sempre imprevedibile quando attacca, gli manca solo il gol ma è indubbiamente il migliore dei suoi.

Alessio 6: Tanta corsa e molta spinta. In difesa sempre in copertura sulla fascia destra. dal 65′ Sare s.v.

Babbi 6: Il pallone preciso verso il suo petto è la giocata più cercata dalla Spal e grazie a ciò in campo guadagna metri importanti. Potrebbe gestire meglio qualche pallone ma la sua gara è nel complesso sufficiente. dal 90′ Chakir s.v.

Spina 6: Serve l’assist per Alessio da corner, poi un paio di guizzi importanti ma è troppo discontinuo nell’economia della gara.

Martina 6,5: Le sue cavalcate sulla sinistra sono una costante per tutto il match. Grande facilità di corsa per lui e ottimi dialoghi con i suoi compagni. Quando la Spal attacca è il pericolo in più da tenere d’occhio. dal 80′ Salvi s.v.