x

x

Cesena Primavera
Cesena Primavera

Entra nel vivo il campionato di Primavera 2. Nove giornate al termine e tutto è ancora da decidere. Nel girone B, il Cesena nell'ultimo turno ha vinto 5-0 contro il Crotone, consolidando il primo posto. I bianconeri hanno allungato a +6 sul Benevento, reduce dalla sconfitta casalinga contro il Pisa. Estro, fantasia e voglia di stupire: questi gli elementi che contraddistinguono i romagnoli, miglior attacco del girone B. Uno dei giocatori che nelle ultime settimane si sta mettendo maggiormente in evidenza è Valentino Coveri

L'INTERVISTA AL TECNICO DELLA PRIMAVERA NICOLA CAMPEDELLI

Cesena Primavera

Cesena, Coveri sulle orme degli Shpendi

Negli ultimi anni, il Cesena sta svolgendo un buonissimo lavoro a livello di settore giovanile. Il merito non va solo alla società, ma anche ad una generazione di 2003 e 2004 che sta facendo le fortune della prima squadra. In Primavera, chi sta stupendo è Valentino Coveri. Nato il 18 marzo 2005, lo scorso anno si è messo in mostra con l'U18 bianconera segnando 14 reti in 25 presenze, chiudendo sul podio la classifica marcatori. In questa stagione, Coveri è vice capocannoniere del girone B con 19 reti in 21 presenze. Meglio di lui solo Mario Perlingieri del Benevento. Il classe 2005 sembra avere tutte le carte in regola per superare Stiven Shpendi, il quale due anni fa in Primavera 2 siglò 23 reti.

Coveri e non solo: i protagonisti del Cesena

Valentino Coveri è una prima punta brevilinea, rapida, abile nello stretto e che dà pochi punti di riferimento. Non è un attaccante d'area di rigore, ma un calciatore che riesce a crearsi da solo il giusto spazio. Il classe 2005 può ricoprire anche il ruolo di ala destra o sinistra, trequartista e all'occorrenza anche di seconda punta. Inoltre, il 18enne ha messo al referto anche 3 presenze con la prima squadra di Toscano. Non solo Coveri: il secondo miglior marcatore della Primavera di Campedelli è Nicolò Amadori, a quota 12 reti in 21 partite. Una prima punta dotata di una buona struttura fisica, abile sia nel segnare che nello svolgere un buon lavoro spalle alla porta. Lo scorso anno, è stato tra i calciatori lanciati da Ceccarelli nella seconda metà di stagione in Primavera 1. Occhi puntati anche sull'italo-albanese Frederik Tosku (3 reti in 17 presenze), ma soprattutto  su Alessandro Giovannini. Il classe 2005, aggregato in pianta stabile con la prima squadra, nelle poche volte in cui è sceso in Primavera ha lasciato sempre il segno: 5 le reti segnate in 5 partite. Grazie alla sue velocità e alla sua agilità, può ricoprire sia il ruolo di trequartista che quello di ala sinistra. 

Sardo, dalla Serie D alla Lazio: Sarri osserva il centrocampista
Di Matteo e Amato con la Carrarese, Galeotti: "Un lustro per il club"