x

x

L'abbraccio tra Plaia e Mascardi con l'Italia U18
L'abbraccio tra Plaia e Mascardi con l'Italia U18

L'Italia U18, pur con qualche sofferenza di troppo nella ripresa, è riuscita a portare a casa un successo nella prima amichevole di questa sosta di marzo. Gli azzurrini allenati dal Ct Franceschini sono riusciti ad imporsi per 2 a 1 contro i pari età dell'Austria allo stadio “Giampiero Combi” di Merano. Bonanomi e Mendicino le reti azzurre mentre Brandt l'autore del gol che ha creato qualche brivido alla selezione azzurra. Di seguito le pagelle dell'Italia U18. 

Plaia Roma Primavera
Credit: MARTIN COCCIOLO

Italia U18, le pagelle della difesa

Plaia F.: 6 - Sempre attento, si oppone a un insidioso tiro cross austriaco. Ottimo anche in uscita, trasmette sicurezza a tutto il reparto difensivo. Al 52’si rende protagonista di un miracoloso intervento in tuffo, su un tiro a botta sicura di Olivier.

Bakoune: 6,5 - Accorto in fase difensiva e propositivo in quella offensiva, gioca con autorità a tutta fascia. Difficile passare dalle sue parti.

Leoni: 7- Ordinato e diligente, non sbaglia mai i tempi di intervento in area di rigore, e col compagno di reparto Plaia, rende la vita difficile agli avanti austriaci. Salva a porta vuota, una clamorosa conclusione austriaca del solito Wurmbrand.

Plaia M.: 6,5 - Tiene la posizione, chiudendo i varchi che si aprono nella difesa azzurra. Imperioso anche nel gioco aereo. Si salva con mestiere nella ripresa, quando l’affanno prevale, davanti alle offensive austriache. 

Magni: 6 – Fornisce l’assist a Bonanomi, sulla prima rete azzurra. Perennemente in difficoltà contro Wurmbrand, giocatore avversario di maggiore iniziativa. Molto meglio in fase offensiva, dà vita a slalom e assist non sfruttati dai compagni di squadra.

Scotti Milan Primavera
CREDIT: MICHELE DI VOZZO

Italia U18, le pagelle del centrocampo

Mendicino: 8 - Ordinato, padrone del centrocampo, detta i tempi ai suoi compagni. Autore di uno splendido gol, quello del raddoppio azzurro: stoppa in area rientra e infila l’angolo opposto con un meraviglioso tiro a giro. Dal 66' Riccio: 6 – Cerca di non far rimpiangere Mendicino, cercando perennemente la giocata a sostegno degli attaccanti azzurri.

Crapisto: 6,5 - Inesauribile nel suo lavoro oscuro, da sostanza a tutta la linea mediana. Rincorre tutto e tutti, e ripulisce una infinità di palloni, è inevitabile un calo alla distanza, nella seconda parte di gara.

Scotti: 6 – Appena entrato, ha la grande opportunità di chiudere il match, ma non ha troppa fortuna. 

Ngana: 6 - Gioca con essenzialità, occupando la sua posizione di competenza. Poco propositivo, soffre la maggiore fisicità del centrocampo austriaco.
Lapo Deli: s.v. – Entra al posto di un esausto Ngana, senza incidere.

Mendicino Atalanta

Italia U18, le pagelle dell'attacco

Bonanomi: 7 - Comincia bene il talento scuola Atalanta: è suo il goal che sblocca la gara. Cerca sempre di incidere, e di pescare i compagni in avanti, ma cala alla distanza. Dal 78' Finocchiaro: 6 – Non riesce a palleggiare come vorrebbe, per i compagni, ma regala qualche buon passaggio filtrante in ripartenza.

Spinaccè: 5,5  -Gioca molto per la squadra, mettendosi a disposizione e proponendosi ai compagni. Gara di sofferenza, ben chiuso dalla retroguardia dell’Austria, non trova mai lo spunto giusto. Dal 78' Ragnoli Galli: 6 – Entra nel finale, con la nostra formazione in difficoltà, cerca di  essere riferimento per far salire la squadra. Procura una clamorosa palla goal, sciupata da Scotti. 

Fini: 6 - Evasivo, non riesce mai a incidere. Sale col passare dei minuti, e nel finale del primo tempo ha un buona occasione, non concretizzata per poco. Sciupa una clamorosa occasione nella ripresa. Dal 66' Caprini: 6 – Cerca di pungere, a ogni occasione che gli si presenta in posizione esterna, e pressando con continuità i difensori austriaci.

Il Ct Franceschini Italia U18
Il Ct dell'Italia U18, Daniele Franceschini

Daniele Franceschini: 7 – Ottima disposizione in campo della formazione. La squadra segue alla lettera i suoi dettami, rischiando poco in fase difensiva, e proponendosi con continuità in fase offensiva. Nella seconda fase della ripresa, con la squadra in evidente difficoltà, da vita a diverse sostituzioni cercando di dare una scossa, senza troppo effetto.

Sardo, dalla Serie D alla Lazio: Sarri osserva il centrocampista
Castorina: "Sarei rimasto all'Entella a vita. Futuro? Spero nelle giovanili"