x

x

Storie di Primavera

Montrone-Toldo - MARTINA CUTRONA
Montrone-Toldo - MARTINA CUTRONA

Toldo e Montrone. Dopo tanti anni riecheggiano sui campi due cognomi importanti per il panorama calcistico italiano. La partita è quella tra Padova e Giana Erminio di Coppa Italia Serie C e loro sono i figli di Francesco, ex portiere di Inter e Fiorentina, e Angelo, attaccante nella storia biancoscudata degli anni 80' e 90'. Soltanto a leggere i due nomi torna in mente ai tanti tifosi e gli appassionati un leggero amarcord. Altri tempi, altro calcio, altro tutto ma per i due Andrea è arrivato il momento di assaggiare il calcio professionistico. Esordio assoluto per il classe 2005 Toldo, mentre seconda presenza per il 2006 Montrone, dopo quella nel derby contro il Vicenza di qualche giorno fa in campionato. Insieme sono entrati per la prima volta all'Euganeo nella vittoria per 3 a 0 della formazione allenata da Torrente. 

Toldo Montrone
PH: MARTINA CUTRONA

Da Francesco ad Andrea: un nuovo Toldo tra i pro

“Ma non facevi il portiere?”. Una gag al quale ormai si è abituato il giovanissimo Andrea. Sì, perché a differenza del papà lui non fa il portiere bensì gioca dalla parte opposta del campo. Parare? No, non fa per lui perché il suo mestiere è fare gol. Due ruoli diversi, agli antipodi ma nel sangue del classe 2005 scorre comunque buon sangue e a suon di ottime prestazioni con la Primavera si è guadagnato la convocazione e successivamente l'esordio con la prima squadra. Cinque i gol segnati in stagione in appena sei presenze, segnale importante di quanto il fiuto del gol non gli manchi. Minuto 86' il tecnico biancoscudato lo chiama per farlo entrare. Tantissima l'emozione per lui, per la famiglia e per il papà che avrà seguito da vicino e con tanta gioia l'ingresso in campo del figlio. A distanza di tredici un nuovo Toldo tra i professionisti, stavolta però non ammireremo le sue prodezze tra i pali ma farà esultare i suoi tifosi a suon di gol. 

Toldo Montrone
PH: MARTINA CUTRONA

Montrone-Padova, la storia si ripete

E' proprio il caso di dirlo: la storia si ripete. Da Angelo ad Andrea: il frutto non cade mai lontano dall'albero e le qualità del classe 2006 sono ben radicate e riconducibili a quelle del papà. Proprio è stato uno dei giocatori della storia dei biancoscudati e il figlio sta calcando per la prima volta i campi della prima squadra. Se il suo esordio assoluto è arrivato nel derby, sentitissimo contro il Vicenza, quella dell'Euganeo è stata un qualcosa di speciale perché venticinque anni dopo i tifosi hanno riassaporato e osservato un cognome che da quelle parti profuma davvero di storia. Prima di raggiungere i livelli del padre Andrea di strada deve percorrerne ancora tanta, ma buon sangue non mentono come hanno sempre confermato i numeri: 40 gol nelle ultime due stagioni e un fiuto del gol da fargli bruciare le tappe con grande velocità.

Toldo Montrone
PH: MARTINA CUTRONA

Padova e i suoi giovani

Non solo Toldo e Montrone perché il Padova sa come si fanno a crescere i giovani. La formazione Primavera è densa di talenti e in campionato sta facendo davvero bene: quarto posto in classifica e alcuni ragazzi pronti a fare il salto. Oltre ai due figli d'arte, infatti, in campo dal prima minuto ha giocato Andrea Beccaro, attaccante classe 2005 che, proprio contro la Giana Erminio, ha trovato la sua prima rete con la maglia biancoscudata. Nel finale, poi, l'ingresso anche del difensore Giovanni Leoni al posto di Luca Villa, anche lui classe 2005 e perno centrale dell'U19. Un occhio al presente ma sapendo di poter contare sul futuro: il Padova guarda anche ai suoi giovani. 

Primavera 1, la classifica marcatori del campionato
Milan, Abate: "Sono contento ma non montiamoci la testa"