Esclusiva

ESCLUISVA MP-Genoa, Moro: “mi trovo molto bene qui, siamo forti e possiamo ambire a belle posizioni"

L'intervista esclusiva a Luca Moro, attaccante del Genoa primavera

Leonardo Bosello
14.02.2020 12:00

In questo inizio di stagione sei partito subito molto forte, hai già segnato tra campionato e coppa Italia 10 gol. Come ti stai trovando al Genoa e quali sono le tue sensazioni dall’inizio di quest’anno?

Il cambio di città da Padova a Genova è stato all’inizio sicuramente un po’ pesante, però ho trovato una squadra che mi ha aiutato, una squadra unita. Mi trovo molto bene qui, siamo tutti molto forti e possiamo ambire a belle posizioni.

Puntate ai play-off? Ci credete?

Siamo partiti col botto, poi dopo abbiamo un po’ rallentato e questo ci ha un po’ demoralizzato, però anche vedendo dagli allenamenti che stiamo facendo stiamo ritrovando la cattiveria d’inizio stagione. Presto ritroveremo i tre punti, possiamo sicuramente puntare ai play off.

Il Genoa ha giocato quasi tutte le partite della stagione con il 4-3-1-2, come vi trovate con questo modulo e come va la sinergia tra te e Bianchi?

Il 4-3-1-2 mi è sempre piaciuto, anche quando ero a Padova. Mi piace avere a fianco un giocatore come Flavio, ha una grande personalità, mi aiuta nei movimenti. Siamo due attaccanti diversi, uno più fisico l’altro più tecnico e penso che ci completiamo abbastanza bene insieme. Cerchiamo sempre di dare il massimo.

Parlaci un po’ del tuo percorso nel Padova.

Nove anni a Padova sono stati sicuramente molto importanti per me, mi hanno reso un giocatore migliore e anche l’anno scorso usavamo lo stesso modulo che utilizziamo anche ora con il Genoa. Ho avuto la bellissima possibilità di passare del tempo ad allenarmi con la prima squadra e questo mi ha formato sia caratterialmente che a livello di gioco.  Ho avuto la fortuna di esordire con il Padova in serie B ed è stata un’emozione unica.

A livello di squadra nel Genoa, dove pensi che siete cresciuti e dove invece secondo te potete ancora migliorare qualcosa?

Penso che siamo una squadra forte, ma forse dobbiamo migliorare sugli errori e sulle ingenuità, dobbiamo avere più fame e in quest’ultimo periodo bisogna ritrovare la via dei tre punti. Però come già detto, io ho grandissima fiducia nel gruppo, penso che siamo molto uniti. Siamo una squadra che può dare molto fastidio a quelle in testa alla classifica e questo è sicuramente merito nostro e dello staff che ci aiuta a crescere e migliorare giorno per giorno.

Hai giocato praticamente tutte le partite del campionato, quale squadra ti ha stupito di più come avversario?

Tutte le squadre sono molto forti, però il derby resta sempre il derby, mi ha colpito tantissimo. Noi ci abbiamo messo molta forza e grinta ma loro non sono stati da meno. Alla fine l’hanno portata a casa loro, ma al ritorno contro la Sampdoria sarà un’altra partita tiratissima.

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 17^ giornata: Sane allunga, tutto invariato nel B
Spal, arriva il primo contratto da professionista per Tunjov