x

x

Una mina vagante. Questa la condizione di partenza attraverso cui l'Atalanta si presenta alla graduatoria playoff da quarta della classe. I ragazzi di mister Bosi hanno disputato una stagione altalenante dal punto di vista dei risultati, mostrando delle qualità importanti. Andiamo a scoprire quali sono stati i segreti della stagione dell'Atalanta.

INDICE

LA CLASSIFICA DEFINITIVA DI PRIMAVERA 1

Giovani di valore

Primavera e U23: un connubio vincente. In questa stagione, diversi giocatori infatti si sono alternati tra Primavera e seconda squadra. Poter assaporare il calcio dei professionisti è stato sicuramente un aspetto importante. L'Atalanta ha puntato molto sulla linea verde, lanciando anche qualche 2006 o 2007: Bonanomi e Castiello, per fare qualche nome. L'età media della rosa della U19 è di 18,3 anni, la quinta squadra più giovane nell'intero campionato Primavera 1. Insomma, una rivoluzione di uomini sia dal punto di vista anagrafico che tecnico. Dopo una stagione conclusa con la salvezza all'ultima all'ultima giornata, quest'anno gli orobici si sono rilanciati verso le posizioni di classifica che contano, strappando il pass dei playoff.

Vavassori Atalanta Primavera
Vavassori Atalanta - FABIO PANELLA

IL REGOLAMENTO DEI PLAYOFF DI PRIMAVERA 1

I numeri degli orobici

I numeri parlando chiaro: in 34 giornate, la Dea ha conquistato 55 punti, frutto di 16 vittorie, 7 pareggi e 11 sconfitte (una media di 1,61 punti a gara). Inoltre, l'Atalanta ha il sesto miglior attacco del campionato, con 58 reti e la quinta miglior difesa, con 46 gol subiti. Il miglior marcatore è stato Vanja Vlahovic, autore di 19 reti. Il classe 2004 ha chiuso la classifica marcatori alle spalle di Russo, miglior marcatore del campionato di Primavera 1. Sempre in fase realizzativa, il secondo giocatore più incisivo della rosa nerazzurra è stato Dominic Vavassori, autore di 11 reti. Altra curiosità: l'Atalanta, insieme alla Roma, è la squadra che ha conquistato più punti lontano dalle mura amiche: ben 29. Come già detto prima, l'anello debole di questa squadra è stata sicuramente la discontinuità. In tal senso, a fare la differenza sono stati i punti conquistati tra fine gennaio e fine febbraio, dove la squadra di Bosi ha conquistato 4 vittorie e 2 pareggi. Diversi i fattori che sono alla base di questa altalena di risultati: oltre ai diversi giocatori che hanno fatto spola tra Primavera e U23, a fare la differenza è stata anche l'inesperienza di diversi ragazzi. Venerdì, l'Atalanta scenderà in campo contro il Sassuolo, nella fase preliminare dei playoff. In questa stagione, contro i neroverdi sono arrivati una sconfitta e una vittoria.
 

 

Camarda, è ufficiale: ecco il primo contratto con il Milan. Il comunicato
Italia Under 20, i convocati di Bollini per lo stage a Tirrenia